domenica,Giugno 13 2021

Covid, gli istruttori delle autoscuole chiedono il vaccino: «Anche noi a contatto con i ragazzi»

L’appello dell’associazione di categoria Unasca lanciato su iniziativa della rappresentanza vibonese: «Offriamo un servizio essenziale»

Covid, gli istruttori delle autoscuole chiedono il vaccino: «Anche noi a contatto con i ragazzi»

Vaccinare gli istruttori di scuolaguida insieme ai docenti e al personale scolastico. È quanto chiede la segreteria regionale Unasca, associazione di categoria maggiormente rappresentativa a livello nazionale delle Autoscuole.

«Da marzo 2020 – scrivono in un documento elaborato su iniziativa di Unasca Vibo Valentia – il personale insegnante e istruttore delle Autoscuole è rimasto sempre in prima linea, garantendo ai cittadini un servizio pubblico essenziale. Eppure gli operatori sono esposti quotidianamente, per ore, sempre a contatto con alunni e utenti per lo più in età scolastica, e non si può ignorare che essi operino in prima linea al pari del personale docente in servizio delle scuole pubbliche. I ragazzi, così come vanno giustamente tutelati nelle scuole, ugualmente vanno protetti nelle autoscuole durante le lezioni di teoria e di guida».

Poi, dopo aver sottolineato che ad oggi la loro categoria «non risulta inserita in alcuna fase del Piano regionale campagna di vaccinazione anti-Sars-Covid-2», l’appello ad essere inseriti «nella seconda tornata vaccinale, contestualmente al personale docente in servizio presso le scuole pubbliche di ogni ordine e grado».

Promotori dell’iniziativa sono il consigliere Unasca Vibo Valentia Paolo De Fina, il vice-segretario Ciliberto Franco, il segretario provinciale Enzo Morabito e il segretario regionale Santo Bagalà.

Articoli correlati

top