mercoledì,Novembre 30 2022

Segnata da un brutto incidente, parrucchiera di Pizzo si riscatta con la maratona di New York

Dopo la difficile ripresa ha lavorato sodo per abbattere i propri limiti: «È stata la sfida delle sfide»

Segnata da un brutto incidente, parrucchiera di Pizzo si riscatta con la maratona di New York
Rosa Dumas, parrucchiera e make up artist di Pizzo

Prima un brutto incidente, poi la rinascita che l’ha portata alla Maratona di New York. Rosa Dumas, parrucchiera e make up artist di Pizzo, attiva da oltre 40 anni, racconta la sua storia costellata da sofferenza, cadute ma anche coraggio e grande forza di volontà: «Sei anni fa, esattamente il 23 ottobre 2016, a seguito di un bruttissimo incidente sono stata costretta a letto per otto lunghissimi mesi per diverse fratture cervicali, scapola, clavicola, costole e problemi al polmone. Tra tutori, collare e quant’altro non pensavo di riprendermi». L’esperienza è stata difficile: «Nel giro di tre anni da quel drammatico giorno, era tanta la voglia di rivalsa che mi sono iscritta ad un master internazionale in coaching ad alte prestazioni dove non c’è solo Pnl, marketing ed altre specialistiche ma sfide vere e proprie come campo di sopravvivenza, peso forma e la maratona. Per me che non avevo mai corso in vita mia e le raccomandazioni dei medici che per il problema al polmone poggiato sul diaframma – con quindi poca resistenza, –sconsigliavano qualsiasi forma di affaticamento, la partecipazione alla Maratona di New York è stata veramente la sfida delle sfide». [Continua in basso]

Rosa Dumas

«Stento a capire come veramente la mente superi il corpo. Sì, è la mente che comanda ed il corpo esegue. Non c’è nulla che non si possa affrontare quando si ha un sogno da realizzare e si è disposti a tutto pur di arrivare ad ottenerlo. Quello che ho capito e voglio gridarlo al mondo è di essere grati alla vita ed essere disposti al sacrificio per ottenere qualsiasi cosa. Sì, con sacrificio e gratitudine si superano i propri limiti».

LEGGI ANCHE: Leggere&Scrivere, a Vibo la figura del medico-volontario Gino Strada nel racconto della moglie Simonetta

Articoli correlati

top