martedì,Giugno 25 2024

L’azienda di Maria Chindamo affidata a “Goel Bio”

Con apposito provvedimento del Tribunale di Palmi la cooperativa è stata nominata curatore delle terre dell'imprenditrice

L’azienda di Maria Chindamo affidata a “Goel Bio”
Maria Chindamo
L’azienda Chindamo

L’azienda di Maria Chindamo, unitamente a quella di suo fratello Vincenzo, era già divenuta socia di GOEL Bio alla fine del 2021. Questo rappresenta però un passo in avanti ancora più importante, in quanto la Camera di Consiglio della Sezione Civile del Tribunale di Palmi, su istanza dei figli di Maria e del fratello Vincenzo, ha deciso di nominare curatore proprio GOEL Bio, la cooperativa agricola e impresa sociale espressione di GOEL – Gruppo Cooperativo e di Comunità Progetto Sud. Se la ‘ndrangheta voleva controllare le terre di Maria questo evento ribadisce ancora una volta il miserabile fallimento di questo presunto intento. GOEL – Gruppo Cooperativo e Comunità Progetto Sud sono schierati senza mezzi termini al fianco di Vincenzo e dei figli di Maria, nell’intento di trasformare l’atto infame e disonorato della ‘ndrangheta in una potente testimonianza di libertà rivolta a tutti i Calabresi. [Continua in basso]

Vincenzo Chindamo

A tal proposito, Vincenzo Chindamo dichiara: «Siamo soddisfatti per l’affidamento dell’azienda di Maria a GOEL Bio. Vediamo nella proposta di GOEL – Gruppo Cooperativo e di Comunità Progetto Sud un’anima imprenditoriale, antimafia, etica, giusta ed efficace. Apprezziamo il dono della gratuità della curatela nella ripartenza della nuova gestione, segno di affetto e vicinanza ai figli di Maria». In rappresentanza di GOEL – Gruppo Cooperativo e di Comunità Progetto Sud, don Giacomo Panizza e Vincenzo Linarello parteciperanno il prossimo 6 maggio al tradizionale sit-in in memoria di Maria dal titolo “Dalle terre di Maria i colori della rinascita”. Il sit-in, come ogni anno, lo stesso giorno della scomparsa, rinnova un impegno e un appuntamento davanti all’azienda dove Maria è scomparsa, in contrada Montalto, a Limbadi. Anche quest’anno è prevista la partecipazione di scuole, di associazioni, di istituzioni e di singole cittadine e cittadini che hanno scelto di condividere la richiesta di verità e di giustizia della famiglia. L’iniziativa è promossa da: Agape, Comitato “Controlliamo Noi Le Terre Di Maria”, Libera, Penelope Italia Odv, GOEL – Gruppo Cooperativo e Comunità Progetto Sud promotori, insieme, di GOEL Bio.

LEGGI ANCHE: Sit-in in memoria della Chindamo: “Dalle terre di Maria i colori della Rinascita”

top