I 60 anni del Nautico di Pizzo, la “scuola del mare” sospesa tra storia e futuro – Foto

Importante traguardo per il prestigioso istituto napitino che ha celebrato la ricorrenza alla presenza della massime autorità del territorio e dell’ex ministro Luigi Berlinguer
Importante traguardo per il prestigioso istituto napitino che ha celebrato la ricorrenza alla presenza della massime autorità del territorio e dell’ex ministro Luigi Berlinguer
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Alla presenza dell’ex ministro dell’Istruzione Luigi Berlinguer, del prefetto e del questore di Vibo, Francesco Zito e Annino Gargano, del magistrato Saverio Musolino, del comandante della Capitaneria di porto Giuseppe Spera, del presidente della Provincia Salvatore Solano e del sindaco Gianluca Callipo, l’Istituto Nautico di Pizzo ha celebrato il sessantesimo anniversario dalla sua fondazione. Lo ha fatto con un’intensa cerimonia nel corso della quale sono stati ricordati gli importanti risultati raggiunti dall’istituzione scolastica e si è rinsaldato il legame con la comunità degli ex allievi e lo stretto rapporto con la città napitina tutta. Un  evento che, per usare le espressioni del dirigente Francesco Vinci, ha rappresentato una «giornata di festa, una giornata da ricordare per la nostra scuola, per tutti i presidi, i docenti, il personale e soprattutto per tutti gli studenti che l’hanno frequentata, vissuta, amata. Una giornata da celebrare per tutta Pizzo e i pizzitani, perché tanto questa scuola ha dato e tanto continuerà a dare alla nostra comunità. Oggi hanno preso parte alla celebrazione le massime autorità del territorio e tanti ex allievi diventati anche comandanti, direttori e docenti, che hanno celebrato il ruolo della scuola e ricordato ai ragazzi l’importanza della formazione».

Informazione pubblicitaria

L’occasione è stata inoltre propizia per inaugurare il nuovo ultramoderno simulatore di plancia, realizzato in collaborazione con l’Università della Calabria, in grado di replicare – tra le altre cose – anche la ricerca e il salvataggio di persone in mare, l’assistenza di una nave in pericolo e la risposta alle emergenze in porto. Grazie alla moderna strumentazione gli studenti «potranno mettere in pratica tutte le nozioni teoriche acquisite in classe e toccheranno con mano ciò che realmente avviene sulla plancia di una nave. Il nostro Nautico oggi compie 60 anni – ha detto Vinci -, ma come potete ben vedere è una scuola che guarda avanti, proiettata nel futuro».

Dal sindaco Callipo parole di gratitudine per l’istituto, «simbolo della tradizione marinara di Pizzo», e l’auspicio che possa presto aprire la «stazione ferroviaria che si trova a poca distanza dalla scuola e che può costituire un fattore importante per la sua ulteriore crescita». Felicitazioni per l’importante traguardo anche da parte del presidente della Provincia Solano che ha definito la scuola pizzitana «un istituto scolastico di eccellenza che, con l’inaugurazione della plancia, che simula quella realmente a bordo, si dota di un ulteriore strumento tecnologicamente innovativo. Un plauso a tutti quei dirigenti e docenti che operano con assiduità per ampliare e migliorare l’offerta formativa e il mondo della scuola» ha concluso. La cerimonia è stata arricchita dall’esibizione dell’orchestra della Scuola media diretta dal maestro Francesco Rosabianca e dalla mostra documentale curata da Santino Galeano e Mimmo Pacifico. Hanno altresì offerto un qualificato e fondamentale contributo all’evento Mariachiara Sormani, responsabile risorse umane e relazioni industriali di Confitarma, Vincenzo Fausto Pagnotta, coordinatore nazionale della Fit-Cisl e Giorgia Andolfi, assessore alla cultura e politiche del mare del Comune di Pizzo.