Natuzza, celebrazioni in tono minore per i dieci anni dalla morte – Video

Pesano le polemiche sulla mancata messa sul sagrato della grande chiesa voluta dalla mistica. Il presidente della Fondazione Anastasi: «Non abbiamo intenzione di alimentare polemiche»
Pesano le polemiche sulla mancata messa sul sagrato della grande chiesa voluta dalla mistica. Il presidente della Fondazione Anastasi: «Non abbiamo intenzione di alimentare polemiche»
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Due messe, nessuna delle quali nella Villa della Gioia, per ricordare la mistica Natuzza Evolo nel giorno del decimo anniversario della sua scomparsa. La struttura di Paravati che ospita anche la tomba della futura beata, ugualmente, è meta dei devoti rimasti delusi: le funzioni religiose in programma, nella cattedrale di Mileto quella voluta dal vescovo e nella parrocchia paravatese quella chiesta dalla famiglia, e da parte della Fondazione “solo” un concerto che si tiene nel complesso costruito con i fondi raccolti grazie al volere della mistica. Il presule Luigi Renzo, nella sua omelia, ha ringraziato i familiari – che si erano detti delusi per la scelta organizzativa della Fondazione – e i cenacoli di preghiera sul conto dei quali ha detto di aver di recente parlato con il Santo padre. Frattanto, il presidente della Fondazione Pasquale Anastasi replica al vescovo: «abbiamo saputo solo dai giornali che voleva autorizzarci a celebrare messa nella Villa della Gioia». Il vertice del sodalizio, dicendosi  rammaricato quanto i familiari per il venir meno di una consuetudine che i devoti hanno sempre apprezzato, ha ribadito che «la Fondazione non ha intenzione di alimentare contrapposizioni».  

Informazione pubblicitaria