La nave scuola Amerigo Vespucci in arrivo nel mare vibonese

L’imbarcazione “più bella del mondo” domani farà tappa davanti alle nostre coste. Ecco dove e quando sarà possibile ammirarla
L’imbarcazione “più bella del mondo” domani farà tappa davanti alle nostre coste. Ecco dove e quando sarà possibile ammirarla
Informazione pubblicitaria
La nave scuola Amerigo Vespucci
Informazione pubblicitaria

Solcherà il mare vibonese, con partenza da Tropea, la celeberrima nave scuola della Marina militare italiana Amerigo Vespucci. L’appuntamento con appassionati e curiosi è per le 13 di domani, mercoledì 12 agosto, quando lo storico veliero si mostrerà in tutta la sua bellezza davanti al litorale tropeano. Quindi farà tappa a Briatico intorno alle 14.30, si sposterà a Vibo Marina, alle 15.30, e a Pizzo, dove è attesa per le ore 16. Proseguirà poi per Gizzeria (ore 18) e Falerna (19.30). In quest’ultima tappa si svolgerà la suggestiva cerimonia dell’ammaina bandiera. Uno spettacolo che non mancherà di richiamare l’attenzione e la curiosità di turisti, bagnanti e diportisti che in questi giorni affollano il litorale e che potranno assistere ad un evento unico nel suo genere.     

Informazione pubblicitaria

La nave simbolo della Marina italiana

L’Amerigo Vespucci è l’Unità più anziana in servizio nella Marina Militare interamente costruita e allestita presso il Regio Cantiere Navale di Castellamare di Stabia. Impostato lo scafo il 12 maggio 1930, è stata varata il 22 febbraio 1931. Consegnata alla Regia Marina il 26 maggio 1931, entrò in servizio come Nave Scuola il successivo 6 giugno, aggiungendosi alla gemella Cristoforo Colombo (in realtà leggermente più piccola), di tre anni più anziana, e costituendo con essa la “Divisione Navi Scuola” al comando dell’Ammiraglio Cavagnari. Al rientro dalla prima Campagna di Istruzione, il 15 ottobre 1931 ricevette a Genova la Bandiera di Combattimento, offerta dal locale Gruppo Unuci (Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia).

Il motto della nave è “Non chi comincia ma quel che persevera“, assegnato nel 1978; originariamente il motto era “Per la Patria e per il Re”, già appartenuto al precedente Amerigo Vespucci, sostituito una prima volta, dopo il secondo conflitto mondiale, con “Saldi nella furia dei venti e degli eventi”, infine con quello attuale.

Dal punto di vista tecnico-costruttivo l’Amerigo Vespucci è una Nave a Vela con motore; dal punto di vista dell’attrezzatura velica è “armata a Nave”, quindi con tre alberi verticali, trinchetto, maestra e mezzana, tutti dotati di pennoni e vele quadre, più il bompresso sporgente a prora, a tutti gli effetti un quarto albero. L’unità è inoltre fornita di vele di taglio: i fiocchi, a prora, fra il bompresso e il trinchetto, gli stralli, fra trinchetto e maestra e fra maestra e mezzana, e la randa, dotata di boma e picco, sulla mezzana. Il porto di assegnazione è La Spezia.