La Dad per il Berto di Vibo: studenti a casa, docenti in aula – Video

La circolare della dirigente Caterina Calabrese: gli insegnanti dovranno collegarsi da scuola. Lezioni vere in aule virtuali e l’avviso agli alunni: «Niente pigiami e capelli arruffati. Abbigliamento consono e rispetto degli orari»
La circolare della dirigente Caterina Calabrese: gli insegnanti dovranno collegarsi da scuola. Lezioni vere in aule virtuali e l’avviso agli alunni: «Niente pigiami e capelli arruffati. Abbigliamento consono e rispetto degli orari»
Informazione pubblicitaria

Il nuovo Dpcm per contenere il diffondersi del contagio da Covid-19,  ha dato il via alla didattica a distanza per tutti gli studenti delle scuole superiori. Aule vuote anche al liceo Berto di Vibo Valentia, ma alla cattedra stamattina si sono presentati gli insegnanti. Così ha deciso la dirigente scolastica Caterina Calabrese che ha di fatto obbligato i suoi docenti a svolgere l’attività didattica «dai locali della scuola, avvicendandosi nelle classi come  previsto da orario curriculare».

Le ragioni della decisione sono spiegate nella circolare trasmessa nelle scorse ore dalla preside: »I docenti – si legge – sono invitati a presentarsi alla lezione con puntualità, in un ambiente riservato e con un abbigliamento consono. Le lezioni dovranno svolgersi in modalità sincrona e i docenti utilizzeranno le classi virtuali».

Non più lezioni dal salotto di casa, dunque, come è avvenuto lo scorso anno scolastico. Almeno non per gli insegnanti del liceo Berto. «Non è il caso della mia scuola – precisa la preside – ma è capitato spesso di assistere a video lezioni con studenti in pigiama e con i capelli arruffati, piuttosto che insegnanti in abbigliamento non consono. E poi, questa scuola – sottolinea la preside – è dotata di tutta la tecnologia utile a garantire una lezione chiara ed efficace, senza disturbi di linea. Ogni aula è infatti provvista di lavagna interattiva».

Una parvenza di normalità, dunque, per assicurare un corretto svolgimento delle lezioni. Gli studenti hanno ripreso a lavorare regolarmente. La stessa dirigente ci mostra le “aule”: si sente il vociare dei ragazzi e la voce dell’insegnante che spiega. Sono distanti ma proiettati sullo schermo. Un mosaico di volti. È la classe virtuale. Sulla cattedra i libri di sempre e gli insegnanti di sempre. È terminata la prima ora. La prof di Arte saluta i suoi alunni e lascia il posto al docente di Motoria. Una solerte operatrice scolastica disinfetta il pc e la cattedra.  

Un sistema che garantisce una corretta didattica a distanza e che non crea falle nel sistema. «Nessuno mi vietava di fare accedere gli insegnanti a scuola e io ho deciso ciò che era meglio per i miei studenti», conclude.