Nicotera, il sindaco: «Vicini a Carmine Zappia e ai familiari di Maria Chindamo»

L’amministrazione comunale invita tutti i cittadini a schierarsi dalla parte dello Stato e della legalità
L’amministrazione comunale invita tutti i cittadini a schierarsi dalla parte dello Stato e della legalità
Informazione pubblicitaria
Maria Chindamo, cinque mesi fa la scomparsa
Maria Chindamo

Il sindaco e l’amministrazione comunale di Nicotera, alla luce delle terribili e raccapriccianti rivelazioni uscite sulla stampa in merito alla sorte dell’imprenditrice Maria Chindamo, esprimono vicinanza e solidarietà alla sua famiglia e formulano l’auspicio che gli organi di polizia e la magistratura possano al più presto fare luce su tutta questa vicenda. Il sindaco e l’amministrazione comunale plaudono inoltre all’iniziativa del Rotary Club di Nicotera che alla stessa Chindamo ha voluto intitolare un centro antiviolenza. L’amministrazione e il sindaco inoltre hanno appreso con viva soddisfazione l’esito del procedimento giudiziario contro coloro che si sono resi responsabili delle minacce e delle estorsioni ai danni del concittadino e amico Carmine Zappia e degli altri imprenditori ingiustamente vessati ai quali rinnoviamo la nostra totale stima e solidarietà e vicinanza augurandogli ogni bene e serenità. Parimenti ringraziamo la magistratura e le forze di polizia per questo duro colpo che hanno inferto alla criminalità organizzata locale e per aver ridato, ancora una volta, dignità e sicurezza ad un territorio dove per troppo tempo il potere criminale ha dettato legge”. L’invito del primo cittadino Giuseppe Marasco e dell’amministrazione comunale di Nicotera rivolto a tutti i cittadini è quindi quello “di schierarsi dalla parte dello Stato e della legalità”.

LEGGI ANCHE: Maria Chindamo, i verbali inediti del collaboratore Cossidente e la scomparsa per i terreni

Estorsioni a Nicotera ai danni di Carmine Zappia, 5 condanne e 2 assoluzioni

Centro di ascolto e antiviolenza intitolato a Maria Chindamo