Vibonese formato schiacciasassi: al “Luigi Razza” stende la Virtus Francavilla 5-0

Ai rossoblù di Orlandi basta un tempo per chiudere i conti con la compagine pugliese, che affonda sotto i colpi di Bubas e Taurino (per entrambi doppietta). Chiude Cani al suo primo sigillo stagionale

Ai rossoblù di Orlandi basta un tempo per chiudere i conti con la compagine pugliese, che affonda sotto i colpi di Bubas e Taurino (per entrambi doppietta). Chiude Cani al suo primo sigillo stagionale

Informazione pubblicitaria
L'incornata vincente di Bubas che vale l'1-0
Informazione pubblicitaria

Cinque a zero alla Virtus Francavilla e chapeau. La Vibonese conquista il quinto risultato utile consecutivo, la quinta vittoria nelle ultime sette gare, e continua a scalare la classifica. Per i rossoblù del presidente Caffo decisivo un mix di serenitá, bel gioco, equilibrio tattico e freschezza atletica, che consente ad Obodo e compagni di ipotecare il match con la Virtus Francavilla giá nella prima frazione di gioco (3-0) durante la quale le giocate dei vari Taurino, Melillo e Bubas fanno divertire i circa mille spettatori presenti. (L’articolo prosegue sotto la pubblicità)

Informazione pubblicitaria

La partita. La Vibonese scende in campo con il collaudato 4-3-2-1. “L’albero di Natale” di Orlandi stavolta esclude Collodel dal centrocampo, mentre Scaccabarozzi scala sulla mediana e Melillo, mandato al fianco di Taurino, viene recuperato alle spalle di Bubas. Con Silvestri non al top e Altobello in infermeria, Malberti è confermato al centro della difesa, di spalla a Camilleri. La Virtus Francavilla risponde con un 3-4-1-2 che mira a creare superiorità numerica a centrocampo e la giusta copertura in fase difensiva. La Vibonese parte subito forte e al 3’ sfiora il vantaggio con Prezioso che in diagonale conclude di poco a lato una bella azione imbastita da Taurino. Segue una breve fasi di stasi, spezzata al 14’, da una bordata poco insidiosa di Scaccabarozzi, e al 17’, da una velleitaria conclusione di Tito che sorvola il montante. La gara si trascina all’insegna del tatticismo, fino al 22’, quando Bubas approfitta di una dormita generale della retroguardia ospite e insacca di testa un cross da punizione sulla sinistra del solito Tito. È la svolta di una gara in cui la Vibonese è destinata a dilagare. Quattro minuti più tardi, infatti, Taurino raddoppia, sfruttando una respinta corta del portiere Turrin, che non riesce a bloccare il dardo scagliato da Prezioso. Al 29’ e al 30’ la Vibonese spreca due clamorose occasioni per chiudere i conti: prima Bubas si allunga troppo il pallone davanti all’estremo ospite, poi Taurino, a tu per tu con Turrin, si fa ipnotizzare senza chiudere a rete. Ma il 3-0 è nell’aria: al 33’ cross dalla sinistra di Melillo, Bubas appoggia per l’accorrente Taurino che non sbaglia il tapin. La Virtus Francavilla è alle corde: l’unico segno di vitalità è un colpo di testa a lato, al 40’, di Mengoni, che però non impensierisce l’omonimo portiere rossoblù. Il primo tempo finisce 3-0: Vibonese padrona del campo senza neppure troppa fatica.

Ad inizio di ripresa piove sul bagnato per la Virtus che perde il suo uomo di maggior spessore, Folorunsho, espulso per somma di ammonizioni dopo una simulazione in area. Al 3’ assolo di Bubas per Taurino che da un metro e mezzo colpisce la traversa. Un giro di lancette e Melillo tira da fuori area ma non centra lo specchio. La Vibonese, nettamente padrona del campo, concede anche qualcosa agli ospiti, ma l’azione di contropiede di Sarao, al 5’, esalta le doti di Mengoni. Non succede nulla fino al 17’, quando il neoentrato Lugo Martinez da punizione sfiora il palo della porta rossoblù. Al 26’ il poker rossoblù: Taurino innesca Bubas in contropiede che davanti a Turrin non perdona. Vale quanto un gol, invece, il ritorno in campo di Diego Allegretti che, dopo mesi di assenza in infortunio, torna in campo, anche se per pochi minuti, accolto con una ovazione dallo stadio. Un ritorno che è di buon auspicio anche per il neoentrato Cani, il quale, con un piattone, mette a segno il 5-0 al 40’. I migliori Prezioso, Obodo e Taurino, che sale a quota cinque in classifica marcatori.