lunedì,Giugno 17 2024

Paolo Blandino: «Felici per l’entusiasmo che c’è attorno alla Bulldog»

A colloquio con uno dei responsabili della Scuola calcio vibonese, dove cominciano ad arrivare i risultati e aumenta sempre di più il numero degli iscritti

Paolo Blandino: «Felici per l’entusiasmo che c’è attorno alla Bulldog»

Gli impegni continuano in casa Bulldog, tre volte campione provinciale. L’ultima squadra ad aver alzato al cielo il trofeo è stata quella di Leo Callipo, in grado di conquistare il titolo Esordienti, categoria Under 13. E proprio domenica, al Cesare Giordano di Gioia Tauro, la giovane squadra vibonese proverà a togliersi un’altra soddisfazione, affrontando nella fase interprovinciale la Segato, la Seles e la Gioiese. Intanto si respira ancora l’aria del Triplete in casa della Bulldog e non può essere altrimenti: si raccolgono consensi e nuove soddisfazioni per un progetto che si è rivelato vincente, non soltanto dal punto di vista dei risultati maturati sul campo, ma anche per via del contesto in cui si opera, con serenità, coinvolgendo i ragazzi e i genitori. La Scuola calcio e il Settore giovanile crescono grazie al lavoro dei tecnici e dei responsabili, in grado a loro volta di far crescere i propri iscritti nel giusto clima.

«Per noi è ovviamente una grande soddisfazione l’aver conseguito tre titoli provinciali – afferma Paolo Blandino, uno dei responsabili della Bulldog – ed è un sogno che si avvera. In questo momento penso a tredici anni addietro, quando siamo partiti con trenta bambini mentre oggi siamo una realtà ben consolidata. Oltre al risultato del campo, però, mi piace evidenziare un altro risultato che siamo stati in grado di ottenere, vale a dire l’entusiasmo che c’è attorno ai nostri atleti. Questo ci rende felici, perché era proprio uno degli obiettivi che ci eravamo prefissati di raggiungere».

La Bulldog, insomma, come una grande famiglia. Le vittorie fanno ovviamente piacere, però c’è anche il gusto di vivere e di condividere tanti momenti di aggregazione all’insegna dello sport. In merito Paolo Blandino aggiunge: «Al nostro interno si respira un clima bellissimo, fra lo staff tecnico e le famiglie. Questo consente a tutti noi di lavorare serenamente e di raccogliere ottimi risultati, per quanto riguarda la crescita dei bambini e il bel rapporto che si viene a creare fra tutti loro».

Rimane il problema legato alla mancanza di strutture, che rende più difficile un lavoro comunque portato avanti con serietà, passione, lungimiranza e mille attenzioni. «Abbiamo sempre onorato il campionato e abbiamo allacciato ottimi rapporti con tutte le società, compresa la Vibonese, alla quale rivolgo un plauso per quanto fatto in occasione della finale dove si è vissuta una bella giornata di sport. Adesso per noi viene il difficile, perché ripetersi è sempre complicato. Ma noi continueremo a lavorare con il principale obiettivo di regalare al maggior numero di ragazzi la possibilità di fare sport. L’augurio e la speranza è che si possa risolvere al più presto l’atavico problema legato alla mancanza di strutture sportive, un aspetto, questo, che rappresenta l’unica nota stonata di una stagione esaltante».

top