Superlega, Vibo mette alle corde Verona ma va ko al quarto set – Video

La formazione di coach Cichello ben figura contro gli scaligeri. L’opposto brasiliano Abouba mattatore di serata con 29 punti
La formazione di coach Cichello ben figura contro gli scaligeri. L’opposto brasiliano Abouba mattatore di serata con 29 punti
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Resta a bocca asciutta la Tonno Callipo Calabria nella partita contro Calzedonia Verona all’Agsm Forum. Un match molto combattuto quello valevole per la settima giornata di ritorno di Superlega in cui a tratti si è percepita la tensione di due squadre che volevano vincere a tutti i costi. A spuntarla però, nonostante la buona prestazione dei calabresi, è stata la formazione scaligera per 3-1. Nel primo set si è ammirata un’ottima Vibo sulla falsariga di quella vista contro Perugia che ha però poi mostrato qualche lacuna nella chiusura dei punti decisivi, al contrario di Verona che è stata più continua, trascinata in attacco dal giovane Asparhuov e dal francese Boyer (25 punti).

Informazione pubblicitaria

Di rilievo le prestazioni dell’opposto brasiliano Abouba (29 punti) molto incisivo al servizio (3 ace consecutivi nel primo set e 4 totali) oltre a quelle dei transalpini Chinenyeze (12) e Carle (11 punti). Anche in questa trasferta la formazione di coach Cichello ha mostrato segnali di crescita complessiva, in particolare al servizio (9 ace totali) e a muro (10).

La Callipo resta terzultima in classifica con 12 punti in attesa dell’esito dello scontro salvezza tra Cisterna e Sora. La Calzedonia Verona invece, che esce dalla gara di oggi con il bottino pieno, sale a quota 21 rafforzando la posizione play off. Ad attendere la Tonno Callipo Calabria. dopo il tour de force con tre gare in sette giorni, c’è la trasferta di Civitanova in programma il 16 febbraio per poi ritornare al PalaMaiata per il recupero della seconda giornata di ritorno contro Padova.

La partita

Partenza equilibrata fino al 9-9 quando gli ospiti prendono il largo e conducono sempre nel punteggio (19-13, 23-17). Vibo si dimostra precisa in attacco con Carle e Defalco che spingono fino al 24-17. Cala però la concentrazione dei calabresi consentendo il recupero a Verona abile a portarsi a -2 (22-24). Provvidenziale un time-out di Cichello e al rientro in campo Carle chiude il set con un attacco vincente (25-22).

Nel secondo parziale si registra la reazione di Verona anche se Vibo lotta e resta in gara fino al 17 pari. Da lì in poi però Verona si mostra più concreta in attacco con Boyer trascinatore dei suoi (20-17). Dall’altra parte è il francese Carle che cerca di controbattere ma Verona gestisce i 3-4 punti di vantaggio accumulati aggiudicandosi il set per opera del bulgaro Asparhuov.

Maggiore continuità di gioco da parte di Verona nel terzo set. Cichello cambia qualcosa e manda in campo Ngapeth al posto di Defalco e il gioco fila via in equilibrio (15-15). Verona aumenta il ritmo e conduce sempre di un paio di punti, ma Vibo sospinta da un ottimo Abouba porta la situazione in parità (23-23). Il finale di set è elettrizzante. La formazione calabrese fallisce due set point e alla fine è Verona a passare in vantaggio con due muri decisivi su Abouba e Carle 2-1.

Parte meglio Vibo nel quarto set (11-8, 15-12) ma Verona trascinata dal bulgaro Asparhuov non molla e rientra bene in gara. Si prosegue punto a punto (21-21). Da qui in poi botta e risposta delle due squadre con la Tonno Callipo che non sfrutta due set point: il primo grazie ad un attacco out di Boyer e il secondo con un muro di Mengozzi sullo stesso francese. Verona mostra più lucidità e al quinto match point chiude set e incontro con un muro di Asparhuov su Abouba.

La voce dei protagonisti

Stefano Mengozzi (Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia): «È stata una partita giocata bene o male in equilibrio fino alla fine, qualche volta abbiamo anche prevalso, ma non è bastato. Peccato perché questi punti ci sarebbero serviti come il pane. Non aver raccolto niente oggi ti lascia un po’ l’amaro in bocca, ma dobbiamo continuare a lottare per il nostro obiettivo che è la salvezza. Ritorno a Verona? Sono sempre contento quando torno perché è un piacere ritrovare tanti amici e il calore dei tifosi veronesi».

Sebastian Solé (Calzedonia Verona): «Era importante vincere, l’abbiamo affrontata come una finale. Era difficile uscire in campo dopo diverse sconfitte, e loro giocano bene, ma la chiave è stata restare sul pezzo, non mollare anche quando ci trovavamo sotto. Tutte le partite saranno così. Il pubblico? Anche quando sbagliamo abbiamo bisogno del nostro pubblico, ma promettiamo tanto impegno e quando sono carichi ci danno una spinta importante».

Il tabellino della gara

Calzedonia Verona 3
Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 1
(22-25, 25-21, 28-26, 31-29)

CALZEDONIA VERONA: Spirito 1, Muagututia 17, Cester 4, Boyer 25, Asparuhov 19, Solé 8, Donati (L), Bonami (L), Marretta 0, Birarelli 1, Kluth 0. Non entrati: Zanotti, Franciskovic, Chavers. Allenatore: Stoytchev.

TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA: Baranowicz 1, Defalco 7, Chinenyeze 12, Drame Neto 29, Carle 11, Mengozzi 8, Sardanelli (L), Rizzo (L), Vitelli 1, Hirsch 0, Ngapeth 4. Non entrati: Marsili, Pierotti. Allenatore: Cichello.

ARBITRI: Gnani, Pozzato.

NOTE – durata set: 30′, 26′, 38′, 42′; tot: 136′. Spettatori: 2712. Mvp: Stephen Boyer