Vibonese: la Procura generale del Coni si schiera con la squadra di calcio

Contestata la legittimità del ricorso delle Figc e sostenuta l’inammissibilità del reclamo della Lega Pro

Contestata la legittimità del ricorso delle Figc e sostenuta l’inammissibilità del reclamo della Lega Pro

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Giudici del Collegio di garanzia del Coni in camera di consiglio per decidere sulla riammissione della Vibonese in serie C. La Procura generale del Coni si è però oggi schierata con la squadra di calcio, contestando il ricorso sia della Figc che della Lega Pro che hanno chiesto l’annullamento della sentenza della Corte Federale d’Appello sostenendo l’esistenza di alcuni vizi di forma. Per quanto attiene al ricorso della Figc, la Procura generale del Coni ne ha contestato la legittimità sulla base della normativa federale. Per quanto attiene il reclamo della Lega Pro, la Procura generale del Coni ha sostenuto dinanzi al Collegio di garanzia che la stessa si trova in una posizione di difetto ad agire.

Informazione pubblicitaria

A sostenere la difesa della Vibonese dinanzi al Collegio di garanzia del Coni, l’avvocato Cesare Di Cintio che ha sottolineato le ragioni giuridiche sulla base delle quali è da ritenersi corretta la decisione della Corte Federale d’Appello di riammettere la Vibonese in serie C.

 AGGIORNAMENTO: Accolto il ricorso della Figc e della Lega Pro LEGGI QUI: Vibonese: accolto il ricorso di Figc e Lega Pro