Pubblicita'

Carattere

La giovane della Costa d’Avorio era tra i migranti giunti nello scalo vibonese nei giorni scorsi. Ora è ricoverata all’ospedale “Jazzolino” dove ha raccontato le peripezie del viaggio

La giovane ivoriana in ospedale a Vibo
Cronaca

“Ho chiesto: aiutatemi, per favore, aiutatemi…!”. Blizzy, ivoriana di venticinque anni, le ferite sul viso, sul corpo e nel cuore. Parla dall’Unità di Osservazione breve intensiva dell’ospedale “Jazzolino” di Vibo Valentia. La sua era tra le oltre 1600 anime approdate martedì mattina a Vibo Marina.

Uno sbarco, l’ennesimo, che ha messo questa striscia di Calabria di fronte ad un’emergenza umanitaria senza precedenti. “Mi hanno colpita all’occhio, mi hanno tirato dai capelli, mi hanno colpito alle braccia” racconta ancora scossa.

Sbarco di migranti record a Vibo Marina, l’“Asso ventinove” attracca in porto (FOTO)

Qui, dove nella carezza di un infermiere riscopre l’animo gentile di una terra di pace che accoglie i disperati, la ragazza racconta quel che le hanno fatto nel corso di un’Odissea di violenza, iniziata per cercare un futuro che nella terra natia era impossibile.

“Sono stata costretta a venire qui in Italia. Non avevo altra scelta” aggiunge. Subirà un intervento chirurgico all'occhio, le ferite sul corpo guariranno. Quelle dell’anima forse mai.

Sbarco record a Vibo Marina, le immagini (FOTO/VIDEO)

VIDEO | Sbarco a Vibo Marina, la testimonianza: «Ho venduto tutto, ma qui ho rivisto il sole»

 

Seguici su Facebook