Pubblicita'

Carattere

Spettacolo e divertimento per i 2000 spettatori presenti alla gara. Pronostico pienamente rispettato ma, dopo un primo set disastroso, i giallorossi di Tubertini mettono in difficoltà la corazzata umbra trascinata dal “bomber” Atanasijevic

Un attacco di Zaytsev
Sport

La capolista arriva al cospetto della Tonno Callipo Vibo con i favori del pronostico, e di fronte ai 2000 del PalaValentia non ci sono colpi di scena: Perugia incassa il bottino pieno al termine di tre set e poco più di un’ora e venti di gioco, saluta e ringrazia. Il risultato, tuttavia, non rispecchia a pieno l’andamento della gara e, soprattutto, non rende giustizia alla generosità e allo spirito combattivo messo in campo dai padroni casa che fanno di tutto per complicare la vita ad una formazione tecnicamente inarrivabile. A parte il primo set (da dimenticare) Vibo si batte a viso aperto e senza timori reverenziali e, alla fine, a decidere in questi termini le sorti dell’ottava di Superlega dei vibonesi sono alcuni episodi sfavorevoli.

Ospiti subito con il piede pigiato sull’acceleratore nel primo set: Russel firma il 4-0 Perugia. Atanasijevic allarga il divario sull’1-7. Perugia dilaga a muro (6 nel parziale) e doppia la Tonno Callipo (9-18). Antonov ci prova siglando in pipe l’11-20. Ma il margine è troppo ampio e gli umbri hanno vita facile nel finale: chiude Podrascanin a muro (13-25).

Antonov mette Vibo davanti in avvio di secondo set (4-3). L’ace di Atanasijevic rimette i conti in parità e Perugia ribalta da lì a poco nuovamente gli equilibri portandosi sull’11-14. C’è la veemente reazione dei padroni di casa che, nel turno in battuta di Patch, rimettono il naso davanti con Lecat (15-14), segnando un parziale di 4 punti. Nuovo capovolgimento di fronte a favore di Perugia (16-18). Presta prova a tenere il passo della Sir (18-22) e con l’ace di Antonov, Vibo rimonta fino al 22-23. Zaytsev porta i suoi al set-point. È ancora Podrascanin a chiudere sul 23-25.

Avvio di terzo set incerto. De Cecco abbandona il campo dolorante, per farvi ritorno dopo una manciata di scambi. C’è l’ace di Verhees per il pareggio di Vibo sul 7-7. È ancora il centrale belga a portare la Tonno Callipo in vantaggio a muro (12-11) e Lecat ad allungare sul 13-11. Vibo c’è, ed è Coscione, dai nove metri, a mettere a ferro e fuoco la ricezione ospite con due punti consecutivi (16-12). Perugia risale in cattedra, recupera lo svantaggio e si rimette davanti con l’ace di Zaytsev che vale il 19-20. La Tonno Callipo tiene testa alla capolista e si rimette davanti sul 22-21 ma al match-point ci va Perugia, favorita dall’errore di Coscione. Chiude Atanasijevic sul 23-25 ed è 3-0 Perugia.

Il tabellino della gara:
Tonno Callipo Vibo 0
Sir Safety Perugia 3
(13-25, 23-25, 23-25)

TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA: Costa, Coscione 2, Marra (L), Lecat 9, Izzo, Antonov 11, Massari, Domagala 1, Verhees 7, Patch 9, Presta 1. Non entrati: Corrado, Torchia. Allenatore: Tubertini.

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: Shaw, Russell 7, Zaytsev 11, Della Lunga 1, Berger, Colaci (L), Atanasijevic 14, De Cecco 3, Anzani 5, Podrascanin 11. Non entrati: Ricci, Cesarini (L), Siirila, Andric. Allenatore: Bernardi.

ARBITRI: Giorgio Gnani, Giuliano Venturi.

NOTE: Spettatori: 2000, incasso: 9000. Durata set: 21', 31’, 30’, tot.: 82’.

Seguici su Facebook