Randagismo, il Movimento animalista sollecita la convocazione dei sindaci

Alla luce della pubblicazione del nuovo “Piano straordinario randagismo” si chiede di procedere celermente all’attuazione delle procedure

Alla luce della pubblicazione del nuovo “Piano straordinario randagismo” si chiede di procedere celermente all’attuazione delle procedure

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Il Movimento animalista Calabria, alla luce della pubblicazione del nuovo Dca contenente il “Piano straordinario randagismo”, ha subito scritto ai sindaci dei comuni capoluogo di provincia perché convochino l’assemblea generale dei sindaci, alla presenza dei direttori dei Servizi veterinari di sanità animale e quelli di Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche (Aree “A” e “C”). Si tratta, come si legge in una nota, del «primo passo – come previsto dall’art. 5 del Dca – per dare reale attuazione alla pianificazione contro il randagismo. Il Movimento animalista è impegnato a far sì che gli sforzi profusi in questi mesi – tanto dalle associazioni animaliste (cui si deve un plauso per l’iniziativa e la tenacia nel chiedere e ottenere la costituzione di un Tavolo tecnico) quanto dalla Task Force (voluta dal Commissario Scura e sostenuta dal dottor Grandinetti) – si possano tradurre in risultati concreti e rapidi».

Informazione pubblicitaria

Affermano i coordinatori  provinciali e regionale del Movimento animalista: «Il lavoro della Task force – dovrà proseguire  sulla linea di un rapporto di confronto e collaborazione (come quello proprio della Task force) perché al vaglio dei sindaci e delle Asp siano subito poste le misure necessarie per il bene degli animali, la salute degli stessi, la tutela della salute umana e dell’ambiente. In altre parole l’attenzione è rivolta ai sindaci ed alle Asp e si chiede loro di provvedere in maniera fattiva e concreta per dare reale esecuzione al Dca stesso».

LEGGI ANCHE:

Randagismo e rapporto uomo-cane, incontro-dibattito a Pizzo

Randagismo, le associazioni animaliste si appellano al prefetto