Capo Vaticano: quando l’accesso alla spiaggia del Tono diventa difficile

Uno "scivolo" in cemento  al centro delle proteste di turisti e residenti. Concreto il rischio che qualcuno si faccia male

Uno "scivolo" in cemento  al centro delle proteste di turisti e residenti. Concreto il rischio che qualcuno si faccia male

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Disagi e malcontento a Capo Vaticano per turisti e residenti che in questi giorni hanno pensato di trascorrere una giornata al mare in una delle spiagge più belle della zona: quella di località Tono. Il mare agitato ha infatti messo ulteriormente a “nudo” un ostacolo da tempo presente in zona ma sinora non rimosso da nessuno. Si tratta di un grosso scivolo in cemento realizzato sulla spiaggia e che in questi giorni, con l’avanzare del mare, impedisce – o quanto meno rende difficoltoso – il passaggio a quanti hanno intenzione di portarsi in spiaggia nella parte sinistra guardando verso il Capo. Un ostacolo di non poco conto, specie per anziani e bambini che sono soliti frequentare tale spiaggia, una delle poche dell’intero comprensorio di Capo Vaticano lasciata in parte di libero accesso. L’erosione costiera e l’avanzare del mare hanno ristretto la porizione di spiaggia e quindi reso non più facilmente aggirabile l’ostacolo costituito dallo scivolo. Le lamentele giunte in redazione non sono poche. “Ci tocca arrampicarci su questa bruttura in cemento – ci dice il napoletano Giovanni che da anni frequenta la zona – oppure bagnarci per metà per riuscire a passare. Non basta pagare profumatamente il parcheggio al Comune di Ricadi per strisce blu piazzate ovunque, ma arrivati in spiaggia ci tocca anche il salto ad ostacoli per poter riuscire a piazzare in santa pace un ombrellone. Speriamo che chi di competenza intervenga”. Augurio che facciamo nostro visto che le foto parlano da sole.

Informazione pubblicitaria