domenica,Novembre 28 2021

Rifiuti Vibo Valentia, si va verso la progettazione dell’Ecodistretto

Pubblicato il bando di gara per l'affidamento della realizzazione del progetto. Il presidente Ato, Maria Limardo: «Sappiamo di essere in ritardo ma intendiamo recuperare»

Rifiuti Vibo Valentia, si va verso la progettazione dell’Ecodistretto

È stato pubblicato il bando di gara per l’affidamento della progettazione dell’Ecodistretto dell’Ato 4 di Vibo Valentia. A darne notizia è il presidente dello stesso Ambito territoriale ottimale, Maria Limardo. «L’infrastruttura – si legge in una nota -, la cui realizzazione è stimata per un importo sui 42 milioni di euro di cui circa 2 milioni per la progettazione, rientra nel programma degli interventi dell’Ato rifiuti della provincia di Vibo Valentia. Il bando è stato pubblicato da Invitalia che affianca la Pubblica amministrazione per accelerare e facilitare la realizzazione degli investimenti strategici per lo sviluppo e la coesione territoriale. È Centrale di Committenza per l’aggiudicazione di appalti pubblici e svolge funzioni di Stazione Appaltante per la loro esecuzione»

Maria Limardo

«Stiamo procedendo spediti e nei tempi – commenta il presidente dell’Ato 4 di Vibo Valentia, Maria Limardo – per realizzare quello che era un obiettivo del nostro mandato. L’Ecodistretto, che è finanziato con risorse regionali, fa parte di un pacchetto più ampio di interventi per la soluzione della problematica del conferimento dei rifiuti solidi urbani e relativi costi. Siamo consapevoli di avere ereditato un notevole ritardo su questo fronte che, in parte, abbiamo colmato e intendiamo colmare definitivamente senza ulteriori ritardi ed indugi».

L’Ato 4 Vibo Valentia, attraverso la consultazione di operatori economici interessati e di comprovata esperienza attraverso l’istituto giuridico del dialogo competitivo, dovrà individuare – informa ancora la nota – la soluzione che consenta una migliore e più efficace modalità operativa di realizzazione, e che sia al contempo economicamente più conveniente, avuto anche riguardo alla complessità dell’inserimento dell’opera nel contesto provinciale di riferimento, al ciclo di vita della stessa, ai costi di manutenzione e di gestione, ed alla sostenibilità complessiva.

Articoli correlati

top