Inquinamento alla foce del Mesima, nulla è cambiato nonostante i buoni propositi – Video

Rifiuti e abbandono la fanno da padrone ma per ora la situazione sembra sotto controllo. In attesa della maxi-bonifica, il Comune di San Ferdinando chiede alla Regione di poter sbarrare il corso d’acqua

Rifiuti e abbandono la fanno da padrone ma per ora la situazione sembra sotto controllo. In attesa della maxi-bonifica, il Comune di San Ferdinando chiede alla Regione di poter sbarrare il corso d’acqua

Informazione pubblicitaria
La foce del Mesima
La foce del Mesima
Informazione pubblicitaria

Alla foce della fiumara, il solito degrado. Abbandono e rifiuti pericolosi continuano a dominare la scena sull’argine del Mesima. Al confine tra le province di Reggio e Vibo nulla è cambiato. Il fiume storicamente inquinato rimane un osservato speciale anche se dei suoi effetti nocivi sul mare, per ora, quest’anno, nessuno si lamenta. Né i bagnanti di San Ferdinando, né i pescatori. Neanche sul lato nord, a Nicotera, forse complice la recente campagna elettorale finita, non si sentono i venti di guerra del passato, ma i pareri sono discordi. Rassegnazione o voglia di tutelare l’immagine turistica che sia, si va al mare incrociando le dita. A San Ferdinando il famigerato canalone che sversava i liquami dall’area portuale sembra sotto controllo, lo stesso a Nicotera è per il fosso San Giovanni. Dal Municipio del centro reggino, però, è partita una lettera indirizzata alla regione in cui, visti i tempi lunghi del progetto per la maxi bonifica del Mesima, si chiede la solita autorizzazione a sbarrare la foce per filtrare il più possibile l’acqua del fiume. In mancanza della cura definitiva, si pensa a prevenire ma, intanto, al Comune di Rosarno non costerebbe molto rimuovere queste microdiscariche ed evitare che si riformino.    

Informazione pubblicitaria