lunedì,Agosto 15 2022

Antenna a Coccorino, Ventrice: «Perché l’amministrazione Mazza-Sterza non ha appellato la sentenza del Tar»?

L’attuale vicesindaco a nome anche del primo cittadino e di tutta la maggioranza replica a Giuliano Sterza che vorrebbe l’impianto di telefonia sul proprio terreno anziché in un suolo comunale

Antenna a Coccorino, Ventrice: «Perché l’amministrazione Mazza-Sterza non ha appellato la sentenza del Tar»?
Il Comune di Joppolo e nel riquadro Guido Ventrice
Il Comune di Joppolo e nel riquadro Guido Ventrice

Arriva a stretto giro la replica del vicesindaco, Guido Ventrice, a nome anche del sindaco Giuseppe Dato e di tutta la maggioranza del Comune di Joppolo, alle considerazioni espresse da Giuliano Sterza che ha inteso difendere la scelta della Wind-Tre di realizzare un impianto di telefonia G5 sul proprio terreno.

Non avremmo mai immaginato di dover affrontare in maniera tanto tediosa, anche per chi legge, la questione dell’antenna di telefonia che la Wind-Tre intende installare nella frazione Coccorino, anche perché la mia posizione di netta contrarietà, che è anche quella del sindaco, della giunta e della maggioranza tutta, è ben nota. E allora mi tocca ribadire che tutti noi, intendo tutta la maggioranza, non abbiamo alcun interesse diretto e indiretto da dover tutelare o da assecondare. Siamo soltanto sollecitati da un unico interesse-dovere: tutelare la popolazione di Coccorino. E, dunque, mentre c’è chi cerca di sollecitare richieste, petizioni e altro, il tutto diretto a perseguire personali interessi, mi tocca di dover ancora una volta ribadire – sottolinea Guido Ventrice – che il problema dell’antenna è tutto targato “amministrazione Mazza/Sterza” e che tutto si stava svolgendo nel silenzio più assoluto, rotto soltanto dalle iniziative assunte dai cittadini, a seguito delle ripetute richieste di accesso agli atti. Da queste iniziative ha avuto origine il rifiuto del Comune e il ricorso al Tar della società, che si è concluso con l’accoglimento, anche per la mancata costituzione dell’ente stesso – cosa che già solleva svariati dubbi –. A questo punto, i cittadini di Coccorino immaginavano che la precedente amministrazione comunale avrebbe appellato la sentenza del Tar datata gennaio 2021, anche allo scopo di potere proseguire nelle trattative con la Wind non in una posizione di estrema debolezza. Inutile auspicio perché la sentenza del Tar non è stata appellata! Questo l’antefatto, che non va dimenticato.

Al punto in cui stanno le cose – rimarca l’attuale vicesindaco Ventrice – noi ci stiamo opponendo ancora all’iniziativa della Wind pur nella consapevolezza che la società ha in mano una sentenza favorevole che l’autorizza ad installare l’antenna e che- non dimentichiamolo – l’amministrazione Mazza/Sterza non ha appellato.
Continueremo quindi a tutelare, in primo luogo, la salute pubblica e, non da meno, gli interesse dell’Ente. Se l’antenna dev’essere realizzata è bene che ricada su un terreno pubblico in modo che il Comune e la popolazione coccorinese vengano, in un certo senso, risarciti del canone di locazione da tradurre in opere e servizi concreti. Qui non perseguiamo gli interessi privati, come di certo fa lo Sterza, insistendo per la realizzazione dell’impianto sul proprio terreno: è evidente che l’unico interesse è rivolto al canone di locazione, a scapito della salute e degli interessi pubblici. Questo è quello che si traduce – sostiene ancora Ventrice – nella voracità e nell’ingordigia di accaparrarsi un guadagno ad ogni costo. Ed il costo, in questo caso, lo pagano i cittadini.

La società Wind, dalla sua, ha per ben due volte dichiarato la disponibilità di edificare l’impianto su area comunale e ciò, al contrario di quanto lo Sterza vuole far credere, è confermato da due distinti verbali, sottoscritti da Comune, Azienda e cittadini. Se poi, nelle procedure adottate in passato e che oggi hanno di fatto posto in stallo la situazione, vi siano degli illeciti, delle manchevolezze o delle forzature, altri sono gli organi competenti che dovranno accertarlo. E sapranno pur farlo…

Concludendo, posso dunque assicurare i miei concittadini che quello che faremo, sarà fatto coinvolgendo i cittadini, con i quali presto ci incontreremo, alla “luce del sole” e nell’interesse del Comune e mai per perseguire interessi personali. Questo – conclude Ventrice – lo lasciamo fare ad altri…”.

LEGGI ANCHE: Antenna a Coccorino, per Giuliano Sterza va realizzata senza indugi sul suo terreno

top