venerdì,Marzo 1 2024

Nicotera, l’associazione “Difesa diritti”: «Il mare sporco non è un evento isolato»

Il sodalizio punta il dito contro le istituzioni: «Negano l’evidenza per il prosieguo di una campagna promozionale ingannevole che inasprisce i malumori»

Nicotera, l’associazione “Difesa diritti”: «Il mare sporco non è un evento isolato»

«Dopo averci negato il diritto alla tutela della salute, ci negano anche il diritto di fare il bagno in acque pulite. E cosi, mentre sul litorale nicoterese residenti, vacanzieri, operatori turistici e commerciali esternano quotidianamente la loro rabbia per il mare che non sa più d’azzurro chiedendo interventi immediati per salvare l’estate, enti e istituzioni continuano a guardare da un’altra parte. Non vedono, non sentono, si allontanano sempre più dai bisogni della gente». Lo scrive l’associazione “Difesa diritti del territorioDipartimento ambiente” aggiungendo: «Enti e istituzioni, col loro operato, ci umiliano, ci offendono, ledono la nostra dignità. Sono convinti di parlare a un gregge di pecore che non sa più manco belare. E, per il mare sporco, hanno posto in essere una nuova strategia: non essendo capaci di risolvere il problema negano che lo stesso esista». Il sodalizio evidenzia: «Con un recente documento, il commissario straordinario dell’Arpacal, Emilio Errigo – l’ennesimo generale paracadutato in una Calabria ritenuta, evidentemente, terra di incapaci – prima si lancia in una sconcertante esaltazione del governatore Occhiuto, poi conclude sostenendo che “le acque e i fondali marini della Regione Calabria sono, per oltre il 90% dei suoi circa 800 chilometri di coste bagnate dal mare, fruibili e balneabili” e, quindi, “il mare della Calabria è vivo, balneabile e gode di buona salute”. Sganciato dalla realtà, ignora la situazione di Nicotera, Pizzo e altre zone rivierasche calabresi». E ancora: «Martedì 11 luglio, il prefetto Paolo Giovanni Grieco convoca nella sua sede il presidente della giunta regionale Roberto Occhiuto, il comandante della Capitaneria di Porto di Vibo e i sindaci della costa tirrenica vibonese. A seguire, da una nota prefettizia si apprende che nel corso dei lavori “ogni sindaco ha fatto il punto della situazione del territorio di competenza e le parti intervenute si sono dichiarate soddisfatte anche in ragione degli esiti delle verifiche finora effettuate a mare” e che “i fenomeni anomali registrati sono tutti riconducibili a fenomeni puntuali ed occasionali”». Per l’associazione si tratta di «un valzer di ipocrisie e contraddizioni. Atteso, peraltro, che non c’è stata nessuna presa di distanza dai contenuti della nota, dobbiamo dedurre che anche il sindaco di Nicotera s’è dichiarato soddisfatto omettendo, quindi, di difendere, per evidenti interessi di parrocchia politica, “il sacrosanto diritto dei cittadini e dei commercianti – sono parole sue – di avere un mare pulito”». In sostanza, «si è allineato al “negazionismo” istituzionale optando, probabilmente, per il prosieguo di una campagna promozionale ingannevole che aggrava ulteriormente la situazione e inasprisce a dismisura il malumore del popolo delle vacanze. La Ddt, nell’esprimere piena solidarietà a cittadini, vacanzieri e operatori turistici e commerciali, promuoverà, nell’immediato, tutte le iniziative ritenute utili alla tutela degli interessi collettivi e, ove necessario, chiederà il sostegno dell’intera cittadinanza per marciare compatti contro il muro di gomma che grava sul territorio. Minacce, querele, sconveniente uso dei social verso chi esercita la legittima libertà di critica – conclude l’associazione- sono tutti elementi che dividono anziché unire e che, per certo, non aiutano la Città a tornare ai livelli che le competono per storia, beni culturali e bellezze paesaggistiche».

LEGGI ANCHE: Mare sporco, il governatore Occhiuto incontra i sindaci del Vibonese

Mare sporco: per il presidente della Regione la colpa è dei sindaci

Depurazione, Nesci: «A Vibo assegnati 390mila euro, come sono stati utilizzati?»

top