mercoledì,Aprile 17 2024

Mare sporco: per il presidente della Regione la colpa è dei sindaci

Roberto Occhiuto si sofferma su due pozzi neri di alcuni lidi del Vibonese che "non sono stati controllati dai Comuni", si tratta di vasche settiche che "non venivano smaltite da tantissimo tempo"

Mare sporco: per il presidente della Regione la colpa è dei sindaci
Il mare sporco a Joppolo

In un video pubblicato sui social network il presidente della Regione Calabria afferma “ecco come stanno realmente le cose…”, in merito alle condizioni inaccettabili in cui versano diversi tratti di mare della regione. Nello specifico mostra due pozzi neri e spiega: «Guardate questo schifo, sono due pozzi neri di due lidi in provincia di Vibo che non sono stati controllati dai Comuni. Ho mandato io l’Arpacal a campione su diversi lidi ed hanno trovato per esempio questi due lidi dove c’erano vasche settiche che non venivano smaltite da tantissimo tempo, nei registri non si capiva come venivano smaltiti nel corso degli anni. Alle prime piogge queste vasche settiche, questi pozzi neri tirano fuori tutta la porcheria che hanno dentro e la buttano a mare. E i Comuni dovrebbero controllare con i vigili urbani quello che succede nei lidi, negli agglomerati che non sono collettati. Io ho scritto ai Comuni, ho detto di intervenire con i vigili urbani, ho scritto alle Procure perché i Comuni sapessero che c’era attenzione su questo tema, ho scritto alla Capitaneria di porto e ai carabinieri».

Roberto Occhiuto

«L’anno scorso ho smaltito i fanghi in eccesso perché avevamo trovato depuratori che non funzionavano, ho chiamato i sindaci, ho detto ai sindaci quali lavori fare, gli ho dato i soldi, alcuni li hanno fatti altri no. Anche quest’anno abbiamo fatto una ricognizione dei depuratori e un nuovo elenco ai sindaci degli interventi da fare sui depuratori e sulle pompe di sollevamento, abbiamo dato i soldi ai Comuni, precisamente 8,8 milioni di risorse dei calabresi, per fare quello che avrebbero dovuto fare per i calabresi negli anni passati e non hanno fatto». Il presidente della Regione Calabria punta il dito contro i primi cittadini «alcuni Comuni hanno aggiudicato i lavori, altri no. Io ce la metto tutta, ci metto anche la faccia, mi occupo di un tema che non è un tema di cui si dovrebbe occupare il presidente della regione perché, ripeto, la depurazione dipende dai Comuni che devono far funzionare i depuratori e devono controllare che queste porcherie non succedano avendo il coraggio anche di chiudere le attività economiche che inquinano. Io ce la metto tutta – ribadisce Occhiuto – ma anche voi calabresi siate solleciti nei confronti dei sindaci, degli imprenditori, di quelli che hanno anche nella loro abitazione pozzi neri ma non li smaltiscono come la legge prevede, perché il mare è una risorsa che appartiene a tutti e non può essere violentato né da amministratori che non fanno il proprio dovere né da imprenditori o cittadini che non vogliono bene alla Calabria».

LEGGI ANCHE: Joppolo: i fondi per depuratori e torrenti ci sono, ma il mare anche oggi è sporco

Mare sporco a Coccorino, nuove segnalazioni dopo quelle da Joppolo

Pizzo, “Pinetamareinsieme” denuncia lo stato del mare in questi giorni

Divieto balneazione in un tratto di mare a Pizzo, Lo Schiavo: «Film già visto»

Depurazione e mare pulito: ecco il nuovo piano varato dalla Regione Calabria

top