Erosione costiera a Pizzo Calabro: in arrivo dalla Regione 5 milioni euro

Serviranno per il consolidamento di scogliere e per mitigare anche il rischio idrogeologico

Serviranno per il consolidamento di scogliere e per mitigare anche il rischio idrogeologico

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Non solo nuove risorse contro l’erosione costiera, ma anche a favore delle azioni contro il dissesto idrogeologico e per ripristinare l’officiosità della foce del fiume Angitola. Sono consistenti i finanziamenti destinati a sostenere interventi sul territorio di Pizzo, deliberati dalla Regione Calabria nell’ambito del Piano programmatico di difesa del suolo, che fa leva sul Por 2014-2020 e sul Patto per lo sviluppo della Calabria.

Informazione pubblicitaria

In particolare, con riferimento all’erosione costiera, il territorio napitino rientra tra i destinatari dello stanziamento complessivo di 5 milioni di euro finalizzati a finanziare nuovi interventi per mitigare l’azione del moto ondoso lungo tutto il litorale vibonese. In attesa dei successivi step burocratici e amministrativi, che consentiranno di stabilire con precisione la ripartizione dei nuovi fondi, all’inizio del 2018 si procederà al consolidamento e all’ampliamento della scogliera frangiflutti che dal pontile della Marina si sviluppa sino alla spiaggia della Seggiola. Lavori per circa 800mila euro che saranno attuati dall’Autorità di bacino regionale (Abr) e che sono attualmente in fase di aggiudicazione. L’intervento in questione, come spiegato in passato dal sindaco Gianluca Callipo, è propedeutico al progetto dell’amministrazione di realizzare una prosecuzione del lungomare che dalla Marina conduca sino alla spiaggia della Seggiola, recuperando e riqualificando questo tratto di costa e creando un anello pedonale continuo intorno a tutto il centro storico.

Il nuovo stanziamento regionale si aggiunge anche ai circa 700mila euro che sono già nella disponibilità del Comune e che serviranno a finanziare i lavori anti erosione in località Stazione.

Altro finanziamento di circa 500mila euro è stato invece ottenuto da Pizzo per mitigare il rischio idrogeologico del costone che sovrasta il quartiere Trentacapilli, in prossimità del viadotto autostradale.

Infine, da ricordare i 120mila euro, anche questi recentemente stanziati dalla Regione, destinati al ripristino dell’officiosità idraulica della foce del fiume Angitola.