lunedì,Giugno 17 2024

Vibo, Parco Archeologico: “Vibo Resistenti” chiede un passo indietro alla sindaca Limardo

Il gruppo scrive una lettera aperta spiegando la "fallimentare strategia politica" adottata dall'amministrazione comunale nei confronti dell'importante sito

Vibo, Parco Archeologico: “Vibo Resistenti” chiede un passo indietro alla sindaca Limardo
Sant'Aloe
Volontari al lavoro al Parco di Sant'Aloe
Il sito archeologico di S. Aloe

“Se errare è umano perseverare è diabolico”. Inizia così la lettera aperta del gruppo “ViboResistenti”. “Questo vogliamo chiedere alla sindaca e agli amministratori di Vibo Valentia: fino a quando abuseranno della pazienza dei cittadini quanto alla cura e gestione di quel bene immenso ed unico che è il Parco Archeologico di Vibo Valentia? Non è una domanda retorica o provocatoria: perché, se i cittadini non ne sono al corrente, non così può dirsi degli amministratori, che sanno cosa questo parco può significare per la città e le opportunità che stanno sprecando. E ne spieghiamo il perché. Sul Parco Archeologico è stato difatti redatto nel 2017 un progetto, denominato Croce Neviera, da parte di un’equipe multidisciplinare (architetti, archeologi, agronomi, geologi) che ha indicato per l’area del Parco, estesa oltre 35 ettari e composta anche da vasti terreni incolti, una innovativa ed efficace idea di manutenzione, capace di durare nel tempo, e di assicurarne la cura e valorizzazione attraverso la ripresa delle attività connesse alla lavorazione della terra. Si tratta di una modalità che coniuga la esigenza di salvaguardia e il coinvolgimento delle realtà produttive esistenti nel territorio; difatti, la presenza di pratiche colturali, ovviamente nei limiti di quelle che son consentite sul aree vincolate, garantisce la presenza quotidiana di lavoratori all’interno delle aree archeologiche e la tutela del sito da tutti i pericoli che l’abbandono comporta (incendi, frane, danneggiamenti, abbandono di rifiuti e simili): posti di lavoro da un lato e presidi di legalità dall’altro, sotto il controllo di una cabina di regia costituita da vari enti pubblici. Si tratta di seguire la esigenza di valorizzare i beni culturali nella loro unitarietà e in sintonia con la cura del territorio, del paesaggio (in cui i beni archeologici sono immersi e cui sono connessi) e dell’ambiente, come d’altronde già si fa in moltissimi parchi d’Italia: nel Parco Archeologico di Pontecagnano da anni insistono orti sociali e orti didattici, in quello di Pompei la coltivazione della vite e la produzione del vino, in quello di Selinunte si pratica la coltivazione del “grano degli dei”, e così nel Parco Archeologico del Colosseo si produce l’”Olio di Roma”, ed ancora nella Valle dei Templi si punta alla valorizzazione e coltura di mandorli viti e pistacchi, coltivazioni autoctone e d’eccellenza. Sono solo esempi perché la lista è lunga.

Veduta parziale del Parco archeologico di S. Aloe

Il progetto ha raccolto un ampio consenso ed è sfociato in un protocollo d’intesa sottoscritto il 15 giugno 2018, cui hanno partecipato moltissimi enti e associazioni (i sindaci dei Comuni di Vibo Valentia, S. Onofrio e Stefanaconi, il Soprintendente della Soprintendenza della città metropolitana di Reggio Calabria e della provincia di Vibo Valentia, il Vescovo della Diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea, il Direttore del Polo Museale Calabrese, il presidente della Camera di Commercio, Confindustria, Cgil, Confederazione Italiana Agricoltori, Federconsumatori, Codacons, Coldiretti, Archeoclub, Agricoltura biologica Calabria, Agrìa-Rete agricoltura biologica civica del Vibonese, Forum delle associazioni, Italia nostra, Associazione italiana cultura classica, Comitato Pro mura, il WWF provinciale, le associazioni “Risveglio ideale”, “La Goccia”, “Io vedo con le mani”, Argonauta e l’associazione “Profondazione Antonino Murmura”), che hanno condiviso i principi portanti dell’iniziativa: la gestione unitaria del patrimonio archeologico e culturale della città attraverso pratiche di agricoltura sostenibile, per la tutela ambientale, la valorizzazione delle attività di artigianato tipico e l’accoglienza. Il protocollo d’intesa è stato approvato dal Comune di Vibo Valentia, ente capofila nella realizzazione del progetto, con delibera della Giunta Municipale del 7 agosto 2018.

Questo percorso si arresta bruscamente con l’avvento della nuova amministrazione. Che, stracciando tutto il lavoro fatto, si orienta, con la delibera del 27 aprile 2021, su forme di tutela che hanno dimostrato tutta la loro pochezza e inefficacia. Come si può pensare di accollare la cura delle aree archeologiche, frammentate e divise, su base volontaristica, ad associazioni diverse (e spesso mancanti anche dei requisiti richiesti nella stessa manifestazione di interesse), senza che sia chiaro se e in che modo esse potranno far fronte a tale gravoso impegno? Ne è conseguito quel che è sotto gli occhi di tutti: le associazioni aggiudicatarie non hanno firmato le convenzioni e dal 2021 tutte le aree archeologiche ( tranne San Leoluca e il Belvedere) sono chiuse, in totale abbandono, sottratte alla fruizione della città. Cionostante, l’amministrazione comunale di Vibo, con nuova determina del 20 giugno 2023, dovendo recedere dal rapporto con due associazioni, non solo non torna indietro sulla fallimentare strategia adottata sul Parco negli ultimi due anni, ma, come se nulla fosse, indice, per tre delle sue aree, una manifestazione di Interesse identica a quella che aveva già dato pessima dimostrazione di sé nel 2021. Perché? Perché perseverare in una scelta irrazionale e fallimentare che ha visto tutte le aree del Parco, sin dalla data del marzo 2021, prive di gestione, in stato di degrado e non fruibili? Per quanto tempo ancora dovremo assistere a questo scempio nonostante il fiume di soldi arrivato per il Parco Archeologico dal 2016 ad oggi agli enti titolari, Comune e Sovrintendenza?   

Chiediamo un immediato passo indietro dell’Amministrazione comunale sulla fallimentare politica adottata per la gestione del Parco archeologico cittadino degli ultimi due anni e che essa tenga fede all’impegno preso dall’Amministrazione nel 2018, assumendo fattivamente il ruolo di ente capofila che gli è stato riconosciuto dai sottoscrittori, e che finalmente, mettendo da parte logiche riduttive e compartimentali, segni l’avvio del cambiamento grazie al quale l’agricoltura e l’impegno sociale possano realmente diventare la chiave di volta condivisa per un equo e sostenibile governo del territorio vibonese profondamente bisognoso di puntare in modo nuovo e partecipato sulle sue grandi risorse culturali, sotto l’egida di un partenariato pubblico-privato innovativo, forte e motivato”. 

LEGGI ANCHE: Vibo, il Comune cerca volontari a cui affidare la gestione del Parco archeologico Hipponion

Parco Archeologico a Vibo, il consigliere Soriano: «Amministrazione degli slogan»

Vibo, Parco Archeologico Hipponion: iniziativa del Pd per raccontare secoli di storia

top