La battaglia del guerriero Orlando contro il sarcoma, raccolta fondi anche nel Vibonese

Al 35enne di Soverato, affetto dalla grave patologia, servono 300mila euro per sottoporsi ad un intervento negli Stati Uniti. L’associazione “L’aquilone” nei mercati della provincia 

Al 35enne di Soverato, affetto dalla grave patologia, servono 300mila euro per sottoporsi ad un intervento negli Stati Uniti. L’associazione “L’aquilone” nei mercati della provincia 

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Anche nel Vibonese sono scattate iniziative di solidarietà a favore di Orlando Fratto, il 35enne di Soverato malato di sarcoma che necessita di un intervento chirurgico negli Stati Uniti. Una delicatissima operazione e molto costosa (servono circa 300mila euro). Da qui la raccolta fondi che sta interessando diversi centri della Calabria. In provincia di Vibo Valentia, dopo le iniziative svoltesi a Serra San Bruno, ad aderire all’iniziativa lanciata dalla “Orlando guerriero Onlus” è stata l’associazione di RombioloL’Aquilone”. I ragazzi del sodalizio rombiolese hanno approntato dei gazebo nei principali mercati della provincia vibonese dove hanno venduto delle uova di Pasqua, il cui ricavato servirà ad alimentare la speranza in una possibile quanto auspicabile guarigione di Orlando. Mercoledì scorso erano a Mileto, giovedì a Rombiolo, venerdì a San Calogero e oggi a Vibo Valentia. Questo perché la solidarietà non deve né può andare in vacanza.

Informazione pubblicitaria

Orlando lavora nel turismo e nella ristorazione ed ama il suo mestiere. Lotta da anni contro questo male e solo poco tempo fa sembrava aver vinto la sua battaglia. Invece la malattia è ritornata e la diagnosi è stata una condanna: non operabile. Un solo medico al mondo potrebbe salvarlo, si chiama Kato Tamoaki, americano di origine giapponese, chirurgo presso il Presbyterian Hospital di New York. Opera con una tecnica di avanguardia, pare che il successo sia elevato. La sua storia ha commosso tutta la regione, rimbalzando sui social e facendo partire la bella gara di solidarietà