Sicurezza, Vibo seconda in Italia per omicidi e tentati omicidi

Il dato, elaborato da Il Sole 24Ore è riferito al 2016 ed è rapportato alla popolazione residente. Per numero di estorsioni il capoluogo vibonese si piazza al quinto posto

Il dato, elaborato da Il Sole 24Ore è riferito al 2016 ed è rapportato alla popolazione residente. Per numero di estorsioni il capoluogo vibonese si piazza al quinto posto

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

L’allarme violenza che ha investito Londra – con 39 vittime in appena due mesi, peggio anche di New York – appare decisamente lontano dalla realtà italiana, dove il numero degli omicidi, fortunatamente, è in costante calo: l’anno scorso secondo il Viminale sono stati 343 (di cui 46 attribuibili alla criminalità organizzata e 128 in ambito familiare-affettivo), l’11,8% in meno dell’anno precedente. Un decremento tendenziale che riguarda anche le grandi città, dove nel 2016 – l’anno cui si riferiscono gli ultimi dati consolidati – si sono registrati 63 omicidi a Napoli, 21 a Roma, 17 a Milano, 7 a Genova, Bologna e Palermo, 4 a Firenze. Ma se questi omicidi, anche sommati a quelli tentati, vengono parametrati alla popolazione residente, come fa Il Sole 24Ore nella sua classifica annuale, solo Napoli figura nella poco lusinghiera top ten: al settimo posto, con 10,43 ogni 100mila abitanti. Al primo posto si conferma Nuoro (21,78), davanti a Vibo Valentia, Crotone, Reggio Calabria, Foggia e Sassari; dall’ottava alla decima posizione, si piazzano Siracusa, Caltanissetta e Trapani.

Informazione pubblicitaria

Complessivamente, nel 2016 le denunce di reato sono state circa 2 milioni e mezzo (poi ulteriormente diminuite, del 9,2%, l’anno passato). Nell’ultima graduatoria generale, sempre secondo Il Sole 24Ore, è a Milano che si registra la maggior incidenza di reati ogni 100mila abitanti (7.375 in dodici mesi): in termini assoluti, con 630 denunce al giorno, il capoluogo lombardo scavalca Roma (627) e precede Torino e Napoli, con circa 370 denunce al giorno. In queste quattro province si concentra quasi il 30% del monte denunce presentate, a fronte di una popolazione poco sopra il 21% di quella nazionale.

Nella classifica dei furti, Rimini (con 6.871 ogni 100mila abitanti) precede Milano, Bologna, Torino, Firenze, Roma, Pisa, Lucca, Prato e Modena; in quella delle rapine Napoli (221,6 ogni 100mila abitanti) è in testa davanti a Milano, Caserta, Palermo, Rimini, Torino, Prato, Bari, Roma e Catania; in quella delle estorsioni, Nuoro (33,31 ogni 100mila abitanti) è al primo posto davanti ad Asti, Foggia, Catanzaro, Vibo Valentia, Caserta, Bologna, Siracusa, Rimini e Isernia. Un discorso a parte meritano truffe e frodi informatiche, in deciso aumento: nel 2016 la parte del leone l’ha fatta Trieste (398 ogni 100 mila abitanti) seguita da Savona, Imperia, Nuoro, Sassari, Genova, La Spezia, Bologna, Siena e Napoli. (Agi)