Incubo stalking per una 37enne di Maierato, divieto di avvicinamento per l’ex amante

L’uomo, 50enne, non aveva accettato la fine della relazione, tormentando per mesi la vittima e arrivando a scagliarsi con l’auto contro la sua abitazione

L’uomo, 50enne, non aveva accettato la fine della relazione, tormentando per mesi la vittima e arrivando a scagliarsi con l’auto contro la sua abitazione

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Ordinanza di divieto di avvicinamento, emessa dal gip del Tribunale di Vibo Valentia Gabriella Lupoli e notificata dai carabinieri della Stazione di Maierato, a carico di un 50enne accusato di stalking per aver ripetutamente vessato con minacce, telefonate, messaggi, pedinamenti e finanche percosse, una 37enne di Maierato che, dopo aver subito per almeno tre mesi i tormenti dell’uomo con il quale aveva intrapreso una relazione, ha trovato la forza di reagire denunciando il suo persecutore ai militari della locale Stazione guidata dal maresciallo Giuseppe Cozzo. La misura cautelare scaturisce all’esito dell’attività investigativa avviata sulla scorta delle dichiarazioni della donna che ha raccontato ai militari come, dopo aver intrapreso una relazione extraconiugale con l’uomo ed esserci andata a vivere insieme, avesse poi deciso di far ritorno dal marito e dai due figli, scatenando così la violenta reazione del 50enne. Tra gli episodi più inquietanti narrati dalla 37enne, quello in cui l’uomo si è scagliato con la sua stessa auto contro il muro di casa della donna e, una volta sceso, si è accanito con calci e pugni sulla stessa vettura, danneggiandola ulteriormente. Aggressività manifesta seguita da minacce, appostamenti e altri atti persecutori che hanno costretto la 37enne a cambiare le proprie abitudini temendo per la propria incolumità e per quella dei propri figli. Fino a quando non ha trovato la forza di denunciare e mettere, così si spera, fine all’incubo.      

Informazione pubblicitaria