Munizioni sequestrate dai carabinieri nelle campagne di Dinami

Indagini per risalire ai proprietari del casolare abbandonato ed accertare le responsabilità della detenzione

Indagini per risalire ai proprietari del casolare abbandonato ed accertare le responsabilità della detenzione

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

I carabinieri della Stazione di Dinami, al fine di contrastare il fenomeno della vendita e della detenzione abusiva di armi, munizioni e materiale esplodente, hanno effettuato una perlustrazione nelle contrade del comune rinvenendo un totale di quasi 400 munizioni, alcune calibro 12 per fucile e altre calibro 7,65 e 6.35 per pistola. I militari dell’Arma, durante la perlustrazione, hanno notato un casolare in disuso al confine tra le due provincie di Vibo Valentia e Reggio Calabria decidendo di controllarlo. All’interno hanno notato del terriccio fresco e dopo aver scavato, subito sotto la superficie, hanno trovato una casseruola contenente una busta nera e l’ingente quantitativo di munizioni che sono state sequestrate e messe a disposizione dell’autorità giudiziaria per gli accertamenti di competenza. Allo stato sono in corso una serie di indagini per accertare le varie responsabilità e, in prima battuta, per risalire ai proprietari dell’immobile abbandonato.

Informazione pubblicitaria