Traffico di reperti archeologici a Vibo, avvocato assolto

La sua posizione era stata stralciata. Il gup lo scagiona dalle accuse dell’inchiesta “Purgatorio 3” condotta dai carabinieri del Ros di Catanzaro

La sua posizione era stata stralciata. Il gup lo scagiona dalle accuse dell’inchiesta “Purgatorio 3” condotta dai carabinieri del Ros di Catanzaro

Informazione pubblicitaria

Il gup del Tribunale di Vibo Valentia, Graziamaria Monaco, al termine di un processo che si è celebrato con rito abbreviato, ha assolto con formula ampia l’avvocato Gaetano Scalamogna, 57 anni, di Vibo Valentia. La sua posizione nel febbraio scorso era stata stralciata da quella degli altri imputati dell’operazione “Purgatorio 3” su una presunta associazione a delinquere finalizzata al traffico di reperti archeologici. E proprio dal reato associativo è stato assolto l’avvocato nei cui confronti l’accusa non ha retto così come già in precedenza in sede di Tribunale del Riesame. Il reato associativo fa riferimento allo scavo abusivo di un cunicolo in via De Gasperi a Vibo Valentia – in zona sottoposta a vincolo archeologico – nei pressi dell’area dedicata un tempo alla ninfa Scrimbia, finalizzato a condurre scavi archeologici non autorizzati per sottrarre, trafugare e commercializzare i numerosi reperti archeologici tutti di età compresa fra il quarto e sesto secolo A.C.. Da tale ipotesi di reato è stato totalmente scagionato il legale che sin dall’inizio aveva sostenuto l’estraneità rispetto ai fatti contestati.  Al vertice della presunta associazione, la pubblica accusa – originariamente rappresentata dalla Dda di Catanzaro – collocava il boss della ‘ndrangheta di Limbadi Pantaleone Mancuso, detto “Vetrinetta” (deceduto in carcere nell’ottobre 2015). Il gip – e successivamente il Tdl – non ha ravvisato però alcuna aggravante mafiosa nelle contestazioni, rigettando le misure cautelari per come proposte dalla Dda di Catanzaro sulla scorta delle indagini del Ros di Catanzaro. Quindi il trasferimento del procedimento alla Procura di Vibo Valentia ed ora l’assoluzione dell’avvocato Scalamogna. 

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHE: Traffico di reperti archeologici a Vibo: una richiesta di abbreviato e 2 stralci