Carattere

Sul fronte delle indagini, intanto, sono previsti per domani gli esami tecnico scientifici sull’auto sequestrata ad Antonio Pontoriero, in carcere con l’accusa di aver ucciso il ragazzo del Mali

Cronaca

In occasione dello sciopero generale del comparto agricolo, le segreterie confederali di Cgil, Cisl e Uil Calabria hanno organizzato una manifestazione regionale che si svolgerà venerdì 15 giugno a Vibo Valentia davanti la sede della Prefettura. Lo annunciano i segretari generali della Cgil, Angelo Sposato, della Cisl, Paolo Tramonti, e della Uil, Santo Biondo, insieme ai segretari regionali di categoria Bruno Costa (Flai Cgil), Michele Sapia (Fai Cisl) e Nino Merlino (Uila Uil). "Lo sciopero nazionale del comparto agricolo - scrivono i dirigenti sindacali - è proclamato a sostegno della piattaforma unitaria per il rinnovo del contratto collettivo nazionale degli operai agricoli e florovivaisti scaduto a dicembre 2017. All'iniziativa, per dimostrare vicinanza a quanto accaduto nei giorni scorsi nel Vibonese con l'ignobile e inaccettabile uccisione del giovane Sacko Soumaila e al tempo stesso sostenere il valore della contrattazione nazionale e di secondo livello, parteciperanno - annunciano Sposato, Tramonti e Biondo con Costa, Sapia e Merlino - per la Fai Cisl nazionale il segretario generale Onofrio Rota, per la Flai Cgil il segretario nazionale Giovanni Mininni, e per la Uila Uil la segretaria nazionale Enrica Mammuccari. Infine, Costa, Sapia e Merlino chiederanno al prefetto di Vibo Valentia di "essere ricevuti e poter consegnare, assieme ad una delegazione, un documento sindacale con le ragioni della protesta". Sul fronte delle indagini, intanto, i carabinieri del Ris di Messina stanno analizzando i vestiti sequestrati in casa ad Antonio Pontoriero, il 43 enne raggiunto da ordinanza di custodia cautelare in carcere con l’accusa di aver ucciso a colpi di fucile nell’area dell’ex fornace “La Tranquilla” di San Calogero di Soumaila Sacko, il 30enne del Mali, attivo nel sindacato di base (Usb) e dimorante nella tendopoli di San Ferdinando. All’esame dei carabinieri del Ris anche lo stub eseguito su Antonio Pontoriero. I risultati tecnico-scientifici si conosceranno fra non meno di due mesi. La difesa di Antonio Pontoriero, assistito dall’avvocato Francesco Muzzopappa, si è intanto affidata al consulente tecnico di parte, Angelo La Marca che seguirà gli esami del Ris di Messina. Gli accertamenti tecnici irrepetibili sull’auto - una Fiat Panda bianca - in uso da Pontoriero e finita sotto sequestro, avranno invece inizio nella giornata di domani. 

 

 

In evidenza

Seguici su Facebook