Autobomba di Limbadi, quei fermi che hanno scongiurato un nuovo attentato (VIDEO)

È quanto emerge dalla nuova ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip distrettuale. Le imprecazioni di Rosaria Mancuso contro Sara Scarpulla il giorno dell’arresto aggravano la sua posizione

0
2

È quanto emerge dalla nuova ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip distrettuale. Le imprecazioni di Rosaria Mancuso contro Sara Scarpulla il giorno dell’arresto aggravano la sua posizione

Rosaria Mancuso esce dal Comando dei carabinieri di Vibo
Informazione pubblicitaria

«Lei doveva morire nella bomba, non quell’altro…». «Dite che non esco? Io non esco, ma se esco…». Con spregiudicato disprezzo, Rosaria Mancuso, si rivolgeva direttamente ai carabinieri. Era il giorno del suo arresto, proprio mentre i militari della Benemerita si apprestavano ad accompagnarla nel carcere femminile di Reggio Calabria, subito dopo la notifica del fermo d’indiziato di delitto spiccato dal procuratore Nicola Gratteri e dal sostituto Andrea Mancuso. Imprecava, incurante che gli uomini del colonnello Magro avrebbero annotato tutto, contro Sara Scarpulla. Per Rosaria Mancuso era chiaro il concetto: non doveva morire Matteo Vinci, nell’attentato terroristico mafioso consumato a Limbadi il 9 aprile, doveva morire sua madre, Sara Scarpulla. E’ un particolare che emerge dall’ordinanza firmata dal gip distrettuale Francesco Zampaoli: che – accogliendo la richiesta della Procura antimafia di Catanzaro – ha lasciato in carcere oltre Rosaria Mancuso, anche il genero Vito Barbara e la figlia della donna, Lucia, per il concorso, in veste di mandanti, nell’omicidio di Matteo, e suo marito Domenico Di Grillo, per altre contestazioni di reato. Secondo il gip, alla luce degli elementi acquisiti dai carabinieri di Vibo Valentia e dalla Dda, gli indagati intendevano organizzare un nuovo ed ulteriore attentato, contro quella donna che non esitò a puntare l’indice sui Di Grillo-Mancuso e suo marito, sopravvissuto miracolosamente alla deflagrazione che ha ucciso suo figlio.

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHE: Autobomba a Limbadi: anche Rosaria Scarpulla doveva morire

Autobomba di Limbadi, emessa una nuova ordinanza in carcere per quattro indagati

Autobomba a Limbadi: i Mancuso-Di Grillo potevano contare su una “talpa”

Autobomba di Limbadi: conclusi gli interrogatori di garanzia per tre indagati

Francesco Vinci, Le Iene e quel dente saltato nell’aggressione prima dell’autobomba (VIDEO)

Autobomba di Limbadi, ai funerali di Matteo il dolore di Sara e Rosalba (VIDEO)

Autobomba a Limbadi, l’ultimo saluto a Matteo Vinci -VIDEO