Maierato, il sindaco critica il sistema di allerta meteo: «In guerra senza armi» (VIDEO)

Danilo Silvaggio condivide con gli altri primi cittadini calabresi le perplessità sui protocolli da seguire in seguito ai continui allarmi diramati dalla Protezione civile

Danilo Silvaggio condivide con gli altri primi cittadini calabresi le perplessità sui protocolli da seguire in seguito ai continui allarmi diramati dalla Protezione civile

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

L’allerta arancione diramata ieri dalla Protezione civile ha mantenuto le sue promesse di pioggia, danni e disagi. Anche la provincia Vibonese è stata sferzata dal maltempo, con nubifragi in molti comuni, a cominciare da quelli costieriSecondo il meteo, domani si replica, con una nuova allerta di preallarme diffusa dalla Protezione civile questo pomeriggio. Nonostante questa volta il dispositivo di sicurezza abbia funzionato, dopo la tragedia che si è consumata il 20 agosto scorso sul Pollino, con 10 escursionisti morti e undici feriti, i sindaci calabresi si interrogano sull’efficacia del sistema di allerta meteo e denunciano l’impossibilità, soprattutto per i piccoli Comuni, di seguire alla lettera il protocollo di prevenzione. 

Informazione pubblicitaria

È di questa opinione anche il sindaco di Marierato, Danilo Silvaggio, che nel suo Comune, colpito dalla devastante frana nel 2010, ha anche attivato un’app che in caso di necessità chiama in automatico su tutti i telefoni fissi del piccolo centro vibonese e avverte i cittadini dello stato di allerta meteo, sollecitando attenzione e l’osservanza di alcuni comportamenti da tenere per evitare rischi. Un Comune attento e attrezzato, quindi, che però condivide con le altre amministrazioni calabresi tutte le perplessità sulla reale efficacia del sistema di allerta. «Ci mandano in guerra senza armi», ha dichiarato Silvaggio ai nostri microfoni, alludendo alle difficoltà dei piccoli Comuni che non riescono ad adempiere a tutti gli obblighi previsti dalla direttiva regionale di Protezione civile, che impone una lunga serie di passaggi anche in caso di allerta gialla, cioè il più basso gradino di pericolo nella scala dei rischi da maltempo. Ecco la sua intervista:

LEGGI ANCHE: Il maltempo incombe sul Vibonese, diramata allerta meteo “arancione”

Il maltempo imperversa nel Vibonese, allagamenti e frane a Tropea e Zambrone (FOTO-VIDEO)