Maltempo a Nicotera: ordinanze di sgombero per un lido ed una palazzina

Ventuno persone saranno ospitate per tre giorni in altra struttura, in attesa delle necessarie verifiche in tema di agibilità dello stabile. Tansi, Oliverio e Mariggiò impegnati in un sorvolo aereo sulle aree colpite dal nubifragio

Ventuno persone saranno ospitate per tre giorni in altra struttura, in attesa delle necessarie verifiche in tema di agibilità dello stabile. Tansi, Oliverio e Mariggiò impegnati in un sorvolo aereo sulle aree colpite dal nubifragio

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Sussistono gravi pericoli per l’incolumità 21 residenti a Nicotera in via Madonna della Scala nella palazzina denominata “Giorgia”, colpita dalla violenta pioggia che si è abbattuta nella notte fra venerdì e sabato. Per questo motivo i commissari prefettizi che gestiscono il Comune di Nicotera (gli organi elettivi sono stati sciolti per infiltrazioni mafiose) hanno emesso un’ordinanza contingibile ed urgente di sgombero della palazzina attualmente in uso a sei nuclei familiari. In tale caso la commissione straordinaria ha ravvisato pericoli per l’incolumità dei medesimi e delle rispettive famiglie per un totale di 21 residenti. Sulla palazzina si è riversata una gran quantità di acqua e quindi, al fine di scongiurare pericoli per la pubblica incolumità, è stato disposto lo sgombero di tali abitazioni e gli occupanti sono stati trasferiti nella struttura Nautilus per essere ospitati per i prossimi tre giorni, tempo necessario per verificare la completa agibilità della palazzina colpita dall’acqua. Medesima ordinanza di sgombero anche per la struttura turistica denominata “Lido Medameo” sita sul lungomare di Nicotera di proprietà di Achille Reggio. Sulla struttura si è riversata un’elevata quantità di acqua che ha provocato il crollo di alcuni manufatti in calcestruzzo e muratura. Per conoscenza le ordinanze di sgombero sono state inoltrate alla Prefettura di Vibo ed ai carabinieri. In queste ore, intanto, il direttore della Protezione civile della Regione Calabria, Carlo Tansi, accompagnato dal presidente della Giunta regionale Mario Oliverio e dal commissario di Calabria Verde, Aloisio Mariggiò, stanno effettuando un sorvolo di ricognizione sulle aree colpite dal nubifragio.                                                          Sul maltempo che ha colpito Nicotera e Joppolo, Carlo Tansi ha dichiarato: “Da quando è stata diramata l’allerta arancione abbiamo provveduto a sistemare sacchi di sabbia, circa 1.200, nei punti più critici che si sono aggiunti a quelli posizionati lo scorso giugno quando si verificò un fenomeno analogo. Abbiamo anche provveduto a sgomberare lidi e abitazioni investiti dall’acqua e dal fango. C’è attenzione anche perché sono previste altre piogge. Va detto tuttavia che le cause dei fenomeni che hanno investito le aree di Joppolo e Nicotera sono dovute al fatto che, negli anni ’50, in zona esistevano diversi fossi che sono stati cancellati in conseguenza del boom edilizio che c’è stato. E’ chiaro che quando si verificano precipitazioni particolarmente intense la cancellazione del sistema di drenaggio trasforma queste aree in vere e proprie bombe a orologeria”.

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHE: Maltempo, nuovi allagamenti a Nicotera e Joppolo: famiglie bloccate in casa (FOTO/VIDEO)

Maltempo nel Vibonese, oltre trenta interventi dei vigili del fuoco (FOTO/VIDEO)

Il maltempo imperversa nel Vibonese, allagamenti e frane a Tropea e Zambrone (FOTO-VIDEO)

Joppolo di nuovo alle prese con fango e smottamenti, danni sul lungomare (FOTO)