Cadavere recuperato al largo del mare di Joppolo dalla Guardia costiera

La salma è stata trasportata al porto di Tropea  e da qui all’obitorio dell’ospedale di Vibo Valentia per l’identificazione

La salma è stata trasportata al porto di Tropea  e da qui all’obitorio dell’ospedale di Vibo Valentia per l’identificazione

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Il cadavere di un uomo, di cui al momento non si conoscono le generalità, è stato recuperato dalla Guardia costiera nel tratto di mare al largo della costa di Joppolo. Caricato su una motovedetta, è stato trasportato al porto di Tropea e da qui all’obitorio dell’ospedale di Vibo Valentia per l’identificazione. E’ stato un diportista a notare un uomo galleggiare in mare privo di vita. Quindi l’allarme raccolto dalla Guardia costiera che ha provveduto a recuperare l’uomo ormai cadavere. Del ritrovamento è stata informata la Procura di Vibo Valentia. Da ieri sera non si hanno più notizie di un marittimo di nazionalità ucraina la cui scomparsa da San Ferdinando è stata segnalata dal comandante di una nave non vedendolo rientrare a bordo della porta-container “Mn elke” battente bandiera liberiana, sbarcata sabato nel porto di Gioia Tauro proveniente dalla Croazia. Il marittimo si era recato sulla spiaggia di San Ferdinando per fare un bagno dove sono stati trovati i suoi indumenti. il capitano della porta container, Denys Soguliaiev, si è portato nei locali dell’obitorio dell’ospedale di Vibo per l’identificazione del cadavere.

Informazione pubblicitaria