Carattere

La società Ku Investiment Srl di Rocco Gabriele Sabatino ha consegnato il saldo dovuto per coprire l’importo complessivo di 2,6 milioni di euro. Già acquisita una prima commessa di 100 camere. Una buona notizia per la città  

Il 501 Hotel di Vibo Valentia
Cronaca

È stata perfezionata questa mattina nella Sezione fallimentare del Tribunale di Vibo Valentia, con il versamento del saldo dell’importo scaturito dall’asta del giugno scorso, la procedura d’acquisto del 501 Hotel di Vibo Valentia. La società Ku Investiment Srl, unico soggetto a partecipare all’ultima asta fallimentare (dopo i due tentativi intrapresi da altre società ed entrambi andati a vuoto) ha depositato assegni per un ammontare complessivo di 2,6 milioni di euro, acquisendo di conseguenza pieni diritti sulla storica struttura alberghiera. La società nuova proprietaria dell'hotel, rappresentata dall’amministratore unico Rocco Gabriele Sabatino, giovane di Soriano Calabro laureatosi a pieni voti in Economia alla Luiss di Roma e proveniente da una famiglia di imprenditori oleari, prenderà possesso del complesso alberghiero appartenuto alla famiglia Mancini già lunedì 17 settembre, dopo la stipula degli atti notarili. E sono gli stessi nuovi proprietari ad assicurare che il 501 Hotel sarà nelle condizioni di riaprire i battenti in tempi ristrettissimi. La riapertura al pubblico avverrà infatti già a partire dal prossimo 1 ottobre, essendosi la nuova proprietà già assicurata una prima importante commessa: quella relativa all’accoglienza degli ospiti del Festival leggere e scrivere, che dal 2 al 6 ottobre porterà in città numerose personalità del mondo della cultura italiana, tanto che sarebbero già un centinaio le camere prenotate dall’organizzazione. Una ripartenza di fiamma quindi, per la struttura ricettiva che più di ogni altra ha segnato la storia cittadina, e non solo, legando il suo nome ad eventi di cultura e spettacolo di respiro nazionale, da Miss Italia al Festival della canzone. Per un ineluttabile segno del destino saranno quindi proprio gli ospiti di un altro festival, oggi principale manifestazione culturale della città, a tenere ora a battesimo la riapertura dell’albergo, dopo le travagliate vicissitudini che l’hanno attraversato, restituendo speranza anche ai tanti lavoratori rimasti senza occupazione. Sul piano simbolico, la “restituzione” alla città di un 501 Hotel pienamente operativo e funzionante, rappresenta poi indubbiamente un segnale di riscatto e “normalità”, nonché un motivo di orgoglio e appartenenza per i tanti vibonesi che hanno guardato in questi anni alla struttura mestamente spenta con una vena di nostalgia, mista a rabbia e rassegnazione, individuando in quella malinconica immagine la plastica rappresentazione dell’inesorabile declino del fu “Giardino sul mare”.       

LEGGI ANCHEVenduto all’asta per la terza volta: si riaccendono le speranze per il 501 Hotel

Omesso versamento dell’Iva: indagati gli ex proprietari del 501 Hotel

501 Hotel, la curatela fallimentare ammette: «Tutto fermo, e chissà per quanto»

501 Hotel, anche il gruppo Trimboli rinuncia all\'acquisto e perde la caparra di 270mila euro

Omesso versamento di ritenute: assolto ex amministratore del 501 Hotel

 

Seguici su Facebook