Joppolo: Cliffs Hotel, il Tar ordina una verifica ai vigili del fuoco

Dinanzi ai giudici amministrativi il ricorso della Takoda srl che si è vista revocare dal Comune le autorizzazioni per il subentro nell’immobile

Dinanzi ai giudici amministrativi il ricorso della Takoda srl che si è vista revocare dal Comune le autorizzazioni per il subentro nell’immobile

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

E’ necessaria un’ulteriore attività istruttoria alla prima sezione del Tar di Catanzaro per decidere sul ricorso della Takoda srl contro il Comune di Joppolo per decidere sull’annullamento chiesto dalla società dell’ordinanza adottata dal Comune l’8 maggio scorso con la quale sono state revocate le autorizzazioni per il subentro nell’immobile di proprietà comunale, sito in contrada San Bruno Melia denominato Cliffs Hotel. Con propria ordinanza, i giudici amministrativi hanno infatti rilevato la necessità, ai fini della decisione, di poter disporre di una verifica da parte del comando provinciale dei vigili del fuoco di Vibo Valentia. In particolare, i vigili del fuoco dovranno rispondere al quesito così formulato: “Se allo stato risultino superate le inosservanze alle norme sulla prevenzione degli incendi riscontrate in data 20 settembre 2017 e 27 settembre 201, presso il Cliffs Hotel, gestito alla Takoda S.r.l. nel territorio del comune di Joppolo, meglio indicate nel verbale di accertamento emesso nel procedimento n. 168/PG/2017″. Per tale attività istruttoria, il Tar ha fissato il termine ultimo al 30 settembre prossimo. La società Takoda è assistita dall’avvocato Giovanni De Stefano, il Comune di Joppolo è invece assistito dall’avvocato Pino Arcuri.    LEGGI ANCHE: Villaggi turistici a Ricadi e interdittive antimafia: il Tar concede la sospensiva

Informazione pubblicitaria