Omicidio Ripepi a Piscopio, carabinieri sulle tracce di una moto – Video

Il mezzo potrebbe essere stato inquadrato da una telecamera mentre si allontana dal luogo del delitto. Si indaga nella sfera familiare del 42enne già vittima di un tentato omicidio da parte di un figlio minore 

Il mezzo potrebbe essere stato inquadrato da una telecamera mentre si allontana dal luogo del delitto. Si indaga nella sfera familiare del 42enne già vittima di un tentato omicidio da parte di un figlio minore 

Informazione pubblicitaria
La scena del crimine a Piscopio, nel riquadro la vittima

L’autopsia integrata dagli esami balistici offrirà una ricostruzione chiara della dinamica dell’agguato. Lo scenario sullo sfondo, d’altro canto, ora dopo ora si schiarisce sempre di più ai carabinieri di Vibo Valentia che con il coordinamento del pm Corrado Caputo accelerano per chiudere al più presto il caso. L’omicidio del 42enne Massimo Ripepi, in via Regina Margherita, a Piscopio, domenica intorno alle 13, non è un agguato di mafia. Mafioso nello stile, il delitto, e dalla mafia forse tollerato, ma il movente in questo caso viene ricercato nella vita privata della vittima, trucidata a colpi di pistola a pochi metri davanti alla Sala giochi ubicata negli uffici dell’ex circoscrizione comunale. La vittima era un accanito giocatore e la ludopatia sarebbe stata una delle principali cause della fine del suo matrimonio. Allontanatosi da Piscopio, dove viveva con la moglie e i suoi due figli maschi, aveva trovato un’abitazione a Vibo città, in contrada Affaccio, la stessa che il 4 giugno del 2017 fu teatro di un precedente agguato. Reo confesso il più giovane dei suoi due figli adolescenti, processato dal Tribunale dei minori per tentato omicidio, ha ottenuto la messa alla prova in una comunità di recupero per 2 anni e 8 mesi. Sparò – disse ai carabinieri e al pm di Catanzaro – perché stanco dei maltrattamenti che subiva, assieme alla madre, per colpa del padre. (L’articolo prosegue sotto la pubblicità)

Col tempo, però, Ripepi avrebbe ripreso a frequentare assiduamente Piscopio e, secondo alcune indiscrezioni, avrebbe subito anche pestaggi e minacce che però non lo avrebbero fatto desistere dal ritornare, anche per giocare e scommettere, nella frazione di Vibo in cui vivono l’ex moglie e il maggiore dei suoi figli. Con l’unica telecamera di videosorveglianza che copre l’accesso alla zona fuori uso, i carabinieri hanno acquisito altri filmati nell’auspicio che abbiano inquadrato la moto che si sarebbe allontanata dalla scena del crimine subito dopo l’agguato. I militari vanno avanti con interrogatori e stub, nell’auspicio di poter dare anche a questo ennesimo caso d’omicidio consumatosi nel Vibonese, una svolta repentina.

LEGGI ANCHEOmicidio a Piscopio: 42enne ucciso dinanzi agli uffici comunali Foto/Video