Comune Joppolo, la giunta si oppone alla reintegra di Panzitta

Sindaco e assessore si affidano a due legali per opporsi all’ordinanza del giudice del Lavoro di Vibo che ha dichiarato illegittimo il licenziamento dell’ex responsabile dell’area amministrativa

Sindaco e assessore si affidano a due legali per opporsi all’ordinanza del giudice del Lavoro di Vibo che ha dichiarato illegittimo il licenziamento dell’ex responsabile dell’area amministrativa

Informazione pubblicitaria

La giunta comunale di Joppolo con il sindaco Carmelo Mazza e l’assessore e vicesindaco, Dino Sterza, ha deciso di proporre opposizione all’ordinanza con la quale il 17 ottobre scorso il giudice del Lavoro del Tribunale di Vibo Valentia, Ilario Nasso, ha dichiarato illegittimo il licenziamento irrogato il 28 giugno del 2016 al geometra Sabatino Panzitta, 61 anni, già responsabile dell’area amministrativa (in foto). Il giudice ha condannato il Comune all’immediata reintegra di Panzitta nel posto di lavoro occupato, nonché al versamento in suo favore di un’indennità commisurata alla retribuzione globale di fatto dal giorno del licenziamento sino a quello dell’effettiva reintegrazione sul posto di lavoro, così come al versamento dei contributi assistenziali e previdenziali, dal momento del licenziamento al momento dell’effettiva reintegrazione. Il Comune, per proporre opposizione all’ordinanza del giudice si è affidata agli avvocati Giuseppe Renda e Giuseppe Arcuri. In particolare, Giuseppe Renda ha seguito precedenti procedimenti in rappresentanza del Comune di Joppolo e contro il geom. Sabatino Panzitta, mentre Giuseppe Arcuri ha rappresentato il Comune – quale legale di parte civile – in un procedimento penale che l’11 ottobre del 2016 (quindi quattro mesi dopo il suo licenziamento) ha registrato la condanna di Sabatino Panzitta a 5 anni di reclusione ed all’interdizione perpetua dai pubblici uffici per il reato di peculato in quanto, secondo l’accusa, avrebbe distratto a proprio favore somme per alcune decine di migliaia di euro quali incentivi alla progettazione di diverse opere. Per tale vicenda giudiziaria (appellata da Panzitta), nel dicembre del 2016 il Comune di Joppolo, con determina del responsabile dell’Area amministrativa, aveva sospeso Panzitta in via cautelativa dal servizio al fine di “tutelare l’immagine, la credibilità e – si legge nella determina comunale del 2016 – e la trasparenza dell’amministrazione comunale”. Ora, quindi, la delibera di opposizione alla reintegra sul posto di lavoro con l’affidamento dell’incarico legale agli avvocati Arcuri e Renda.  LEGGI ANCHE:   Comune Joppolo, il sindaco nomina un nuovo assessore

L’ INCHIESTA | Dal Vibonese alla Lombardia, le relazioni pericolose di due consiglieri comunali di Joppolo

Scandalo rifiuti a Joppolo e Rombiolo, la denuncia dello Slai Cobas

Strada del Mare chiusa fra Joppolo e Coccorino: una vergogna lunga un anno

Discarica illegale a Caroniti: raccolti i rifiuti resta il percolato

Discarica abusiva a Caroniti: la ditta che non si è accorta del disastro incaricata di rimuovere i rifiuti

Isola ecologica divenuta discarica, il sindaco di Joppolo: “Nessuno doveva controllare” (VIDEO)