Vibo in lutto, addio al testimone di giustizia Nello Ruello

Ha combattuto con il racket che ha mandato in rovina uno degli studi fotografici più noti in Calabria. Simbolo di resistenza per la difesa dei diritti di chi ha creduto nello Stato

Ha combattuto con il racket che ha mandato in rovina uno degli studi fotografici più noti in Calabria. Simbolo di resistenza per la difesa dei diritti di chi ha creduto nello Stato

Informazione pubblicitaria
Nello Ruello
Informazione pubblicitaria

Si è spento ieri sera, nella casa della figlia Mariarita, a Vibo Valentia, lo storico fotografo e testimone di giustizia Nello Ruello. Ormai anziano, provato dalla malattia poi aggravata dall’incedere degli anni, è stato il primo testimone di giustizia a denunciare esponenti apicali della famiglia Lo Bianco-Barba, condannati nel processo che scaturì dalle sue dichiarazioni. Si tratta del processo denominato “Flash”, figlio di un’operazione della Guardia di finanza scattata nel 2004. Ruello finì al centro di un vortice di usura che mandò in rovina uno degli studi fotografici e di ottica più noti della Calabria. Sempre sostenuto dall’avvocato Giovanna Fronte, l’unica ad accettare a suo tempo di sostenere la sua causa, è stato protagonista di una grande battaglia per la difesa dei diritti dei testimoni di giustizia. Già fotografo di Gazzetta del Sud, sempre sotto scorta, grazie al sostegno dello Stato riuscì a riaprire il suo negozio di ottica, alla cui inaugurazione prese parte anche il sottosegretario all’interno Ettore Rosato. Un negozio che pochi mesi prima di morire annunciò di voler mettere in vendita, perché sempre più concittadini – denunciava – lo evitavano dopo aver denunciato all’autorità giudiziaria i suoi estorsori, tra questi anche uno dei suoi dipendenti. Egli sosteneva che lo Stato per essere d’esempio doveva assicurare ai testimoni di giustizia la permanenza sicura sui luoghi di appartenenza evitandone la fuga come segno di resa. Ruello, anche se a volte lasciato solo, circondato unicamente dalla famiglia e dal suo avvocato, non è mai fuggito. 

Informazione pubblicitaria

Alla famiglia Ruello, per la scomparsa di un vibonese doc sostenuto sempre dalla sua forza e da quella dei suoi familiari, va il sentito e partecipe cordoglio dell’editore Domenico Maduli e della sua famiglia nonché del corpo redazionale del network LaC-Il Vibonese, sempre al fianco delle sue battaglie. 

Di seguito l’intervista rilasciata al Tg di LaC Tv quando annunciò di voler cedere la sua storica attività commerciale:

LEGGI ANCHE: “Vendesi attività”, Nello Ruello getta la spugna e cede il suo negozio (VIDEO)