Detenzione di 260 cartucce di fucile, denunciati madre e figlio a Monterosso

L’attività dei carabinieri della locale Stazione ha consentito di individuare le munizioni illegalmente custodite in una mansarda 

L’attività dei carabinieri della locale Stazione ha consentito di individuare le munizioni illegalmente custodite in una mansarda 

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

È di due denunce, a carico di madre e figlio, rispettivamente di 65 anni e di 47 anni, entrambi originari di Monterosso Calabro, il bilancio di un’attività dei carabinieri della locale Stazione nell’ambito del contrasto al fenomeno della vendita e della detenzione abusiva di armi, munizioni e materiale esplodente. I militari, all’esito di una perquisizione domiciliare effettuata nella giornata di ieri, hanno rinvenuto circa 260 munizioni da fucile, rispettivamente calibro 12 e calibro 16, illegalmente detenute, ben occultate all’interno di una mansarda di un immobile di proprietà delle due persone deferite e presenti all’atto della perquisizione. Tutte le munizioni sono state quindi sequestrate e messe a disposizione dell’Autorità Giudiziaria per gli accertamenti del caso. 

Informazione pubblicitaria