Rapine fra il Vibonese e la Piana di Gioia Tauro, dieci misure cautelari

Ordinanza di custodia cautelare del gip del Tribunale di Palmi. Diversi i reati contestati su indagini della polizia

Ordinanza di custodia cautelare del gip del Tribunale di Palmi. Diversi i reati contestati su indagini della polizia

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Dieci persone sono state arrestate a Rosarno dalla polizia con l’accusa di far parte di una banda di rapinatori. Nell’ordinanza di custodia cautelare, il gip contesta i reati di associazione per delinquere, rapina, ricettazione, furto, detenzione e porto di armi da sparo, anche clandestine. Le indagini, coordinate dalla Procura di Palmi e condotte dal commissariato di Polistena e dalla Squadra Mobile di Reggio Calabria, sono partite dall’arresto nel marzo del 2017 di tre soggetti ritenuti responsabili di una rapina in un supermercato. Si è risaliti da qui agli autori di altre tre rapine commesse tra il 2016 e il 2017 ai danni di banche, supermercati e farmacie nella Piana di Gioia Tauro e nel Vibonese. In particolare, è stata fatta luce sulla rapina del 28 gennaio 2017 ai danni del supermercato Cooper di Mileto che ha fruttato ai rapinatori la somma di 1.500 euro. Gli arrestati sono: Michele Bellocco, 23 anni; Pietro Iacono, 23 anni; Vincenzo Lazzaro, 22 anni; Fabio Scarfò, 28 anni; Giuseppe Pisano 25 anni, tutti di Rosarno. Obbligo di dimora invece per: Antonella Bruzzese di 40 anni e Rocco Bellocco di 48 anni, tutti di Rosarno. Obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per: Teresa Fazzari, 79 anni; Vincenzo Lazzaro, 84 anni e Giuseppe Lazzaro, 59 anni, anche loro tutti di Rosarno. 

Informazione pubblicitaria