Carattere

Il gip del Tribunale di Milano rimette in libertà sei arrestati su sette e non convalida il fermo di indiziato di delitto della Dda di Catanzaro

Cronaca

Traballa in sede di esigenze cautelari l’inchiesta della Dda di Catanzaro denominata “Ossessione”, scattata lunedì e che mira a colpire il narcotraffico internazionale. Su sette destinatari del fermo di indiziato di delitto vergato dal pm antimafia, Annamatria Frustaci, il gip del Tribunale di Milano ne ha scarcerato sei su sette. Non ravvisato il pericolo di fuga e non applicata neanche la misura cautelare per sei dei fermati. Fra gli arrestati per i quali è stata disposta la scarcerazione, figurano anche i vibonesi Giuseppe Campisi, 49 anni, di Nicotera (che ha già scontato una lunga pena per omicidio a Milano ed è fratello del broker della cocaina Domenico Campisi, ucciso a Nicotera nel 2011) e Gennaro Papaianni, 42 anni, di Vibo Valentia, domiciliato negli ultimi tempi a Milano. Giuseppe Campisi viene indicato dall’accusa come uno dei principali finanziatori delle importazioni di stupefacenti in Italia e fra i promotori dell’associazione, mentre Gennaro Papaianni, cognato di Salvatore Costantino di Nicotera (a sua volta indicato come elemento di vertice del narcotraffico internazionale di hashish e cocaina) è accusato di aver messo a disposizione dell'associazione, quale locale di stoccaggio per lo stupefacente, un box sito a Milano. Nella giornata odierna, invece, altre due scarcerazioni: a Vibo Maria Limardo, 54 anni, originaria di Briatico e residente a Vibo Valentia (moglie dell’indagato Giuseppe Costantino, attualmente in carcere per scontare una pena definitva per usura ed estorsione rimediata nel processo “Black money”), a Monza il 35enne di Tropea Damiano Aquilano, rimesso in libertà e nei cui confronti non è stato convalidato il fermo e neanche applicata alcuna misura cautelare. In foto: Giuseppe Campisi e Gennaro Papaianni    LEGGI QUI: Narcotraffico: inchiesta “Ossessione”, due scarcerazioni e cinque convalide fra Vibo e Monza

Narcotraffico internazionale: inchiesta “Ossessione”, gli affari dei vibonesi con gli stupefacenti

 

 

Lacnews24.it
X

Seguici su Facebook