Ubriaco alla guida, denuncia e ritiro della patente per figlio boss a San Gregorio

Il giovane è stato fermato da carabinieri del Norm con un tasso alcolemico superiore ai livelli consentiti. Sequestrata la vettura ha dovuto far rientro a casa a piedi 

Il giovane è stato fermato da carabinieri del Norm con un tasso alcolemico superiore ai livelli consentiti. Sequestrata la vettura ha dovuto far rientro a casa a piedi 

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

E’ stato trovato alla guida della sua auto con un tasso alcolemico nel sangue superiore a 1.5 mg/l, ben oltre il limite massimo consentito dalla legge. Salvatore Mancuso, di 24 anni, figlio del boss Giuseppe Mancuso (cl. ’49 detto “‘Mbrogghija” di Limbadi, detenuto per condanne definitive per omicidio), quest’ultimo ritenuto esponente di spicco della struttura ‘ndranghetistica di Limbadi. Salvatore Mancuso, che risiede a San Gregorio, è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza dai carabinieri del Nucleo operativo radiomobile della Compagnia di Vibo Valentia. A Mancuso, che si trovava in auto assieme ad un congiunto, avvisato orale di Pubblica sicurezza, è stata immediatamente ritirata la patente e sequestrata l’autovettura. I due, che sono stati fermati e controllati nella notte dai militari del Norm ad un posto di blocco a San Gregorio d’Ippona, hanno dovuto fare rientro a piedi nelle loro abitazioni.     LEGGI ANCHE: ‘Ndrangheta: processo “Genesi” al clan Mancuso, 6 condanne e 3 prescrizioni

Informazione pubblicitaria