Carattere

Monsignor Luigi Renzo spiega l’incongruenza giuridica della presenza del testamento spirituale inserito in uno Statuto ed i motivi per i quali occorre operare in comunione di intenti

Cronaca

Continuano a far discutere le riforme allo statuto della Fondazione di Natuzza richieste dal vescovo della Diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea, Luigi Renzo. All’indomani dell’intervento alla Festa della Mamma di Paravati, il presidente della Fondazione “Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime” Pasquale Anastasi aveva spiegato che le sue parole facevano esclusivo riferimento al testamento spirituale di Natuzza Evolo, aggiungendo che il testamento della serva di Dio poteva essere tolto dall’articolo 2, “ma doveva essere inserito nella premessa storica che fa parte integrante del documento”.  A spiegare oggi perché quanto richiesto da Pasquale Anastasi non può trovare accoglimento, è lo stesso monsignor Luigi Renzo, secondo il quale le considerazioni dello stesso Anastasi sono “da tempo a conoscenza della Fondazione, così come il fatto che la sua proposta di modifica era già stata accettata dalla Commissione paritetica che ha lavorato fino a novembre scorso”. Nel suo intervento, il vescovo ripercorre così le varie fasi della vicenda, ricordando in primis i pareri negativi espressi, “su sua richiesta di delucidazioni”, dall’ufficio giuridico della Conferenza episcopale italiana nell’ottobre 2015 e, “in maniera ancora più esplicita”, dalla segreteria dello Stato Vaticano nel gennaio del 2017. Il primo istituto aveva sottolineato “l’incongruenza giuridica” della presenza del testamento spirituale in uno Statuto. Il secondo, dopo aver suggerito di “asciugare” il testo che comunque “è un documento giuridico e deve essere quindi caratterizzato da un certo rigore e da uno stile proprio”, aveva poi chiesto di tener conto del fatto “che si tratta di uno Statuto, nel quale si devono rappresentare e normare solo gli elementi strutturali e permanenti dell’ente”. Infine era stato spiegato che tenendo conto di tutto ciò, “si dovrebbe eliminare completamente l’art. 2…”, che in realtà è proprio l’articolo contenente il testamento spirituale. “A parte questi aspetti di natura giuridica - aggiunge il vescovo - voglio rilevare che inserendo il testamento nello Statuto ed approvandolo con mio decreto, legherei ed obbligherei l'autorità del vescovo, mia e dei miei successori, a tutti i passaggi in esso previsti, che, se sono spiritualmente ispirativi per la Fondazione, non possono esserlo per la Diocesi. E' impensabile che la Diocesi debba dipendere ed attenersi ad un testamento spirituale di una persona, sia pure santamente vissuta. E’ la Fondazione che deve ispirarsi ad esso non la Diocesi ed è la Fondazione che deve operare in comunione con la Diocesi, non il contrario. E’ questa che deve adeguarsi alle direttive della Diocesi, non il contrario. Se il testamento lo si vuole a tutti i costi, lo si può mettere distinto dallo Statuto in appendice, dopo il decreto e la firma del vescovo”. 

Monsignor Renzo sottolinea poi che il testamento dall’articolo 2 alla premessa storica “ha solo lo scopo di rilevare la continuità tra il nuovo ente ed il precedente” e non cambierebbe la sostanza. “Che scopo avrebbe quindi spostarlo – si chiede il vescovo – quando sottoscrivendolo - si accetterebbe comunque come elemento obbligante anche per la Diocesi. Questo è fuori da ogni logica giuridica e teologica. Il pastore garante dell'unità e della comunione nella Chiesa è il vescovo e questo non può legarsi le mani con uno statuto, tra l'altro di un ente ecclesiastico civilmente riconosciuto, come è attualmente la Fondazione”. 

 

Lacnews24.it
X

Seguici su Facebook