Rivolta in carcere in Sicilia, coinvolto Francesco Olivieri

Il 31enne di Nicotera condannato giovedì all’ergastolo a Vibo, protagonista dell’incendio nella casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto

Il 31enne di Nicotera condannato giovedì all’ergastolo a Vibo, protagonista dell’incendio nella casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Indagini sono in corso da parte della polizia penitenziaria sulla rivolta avvenuta sabato da parte di alcuni detenuti dell’ottavo reparto detentivo della casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto, sede dell’omonimo ex Ospedale psichiatrico giudiziario (Opg). In particolare, i detenuti hanno dato fuoco a materassi e suppellettili. Tre i poliziotti rimasti intossicati. Nel reparto ci sono ancora detenuti con problemi psichici. Tra i coinvolti, anche Francesco Olivieri di Nicotera, detto “Cicko”, che nei giorni scorsi è stato condannato all’ergastolo dal gup del Tribunale di Vibo per duplice omicidio. Alla richiesta del pm, Francesco Olivieri, era andato su tutte le furie insultando pesantemente in aula il giudice Giovanni Garofalo ed il pubblico ministero Concettina Iannazzo.

Informazione pubblicitaria

Qualche settimana prima, in carcere a Cosenza aveva invece malmenato un agente della polizia penitenziaria al quale aveva anche spento una sigaretta in faccia. Ora, quindi, la nuova rivolta in carcere a Barcellona Pozzo di Gotto che lo vede ancora fra i protagonisti. Francesco Olivieri, detto “Ciko”, è stato ritenuto responsabile di omicidio aggravato dalla premeditazione per aver esploso a Nicotera l’11 maggio dello scorso anno tre colpi di fucile nei confronti di Michele Valerioti e Giuseppina Mollese, ferendo in precedenza altre tre persone in un bar di Limbadi.   LEGGI ANCHE: Raid omicida a Nicotera e Limbadi, ergastolo per Ciko Olivieri – Video