Spaccio di droga e possesso di un ordigno, denunciati due fratelli

Attività dei carabinieri in pieno centro cittadino a Vibo Valentia. Marijuana e hashish rinvenuti sia in auto che nell’abitazione dei due giovani

Attività dei carabinieri in pieno centro cittadino a Vibo Valentia. Marijuana e hashish rinvenuti sia in auto che nell’abitazione dei due giovani

Il materiale posto sotto sequestro
Informazione pubblicitaria

Due giovani di Gioia Tauro sono stati denunciati a piede libero dai carabinieri del Norm della Compagnia di Vibo Valentia con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Il fatto è avvenuto a Vibo, in via Giovanni XXIII, dove i militari hanno effettuato la perquisizione dei due fratelli, P. R. di 28 anni e D. R. di 25 anni, che si trovavano a bordo di un’auto. Fin da subito i due giovani apparivano molto agitati ed infatti, sottoposti a perquisizione personale e veicolare, venivano trovati in possesso di quasi 15 grammi di marijuana e 2 grammi di hashish, abilmente occultati all’interno di finti pacchetti di sigarette. Nutrendo forti dubbi che i ragazzi avessero potuto nascondere dell’altra sostanza presso la loro abitazione i militari partivano subito alla volta della cittadina reggina ove, all’interno della loro abitazione, rinvenivano ulteriori 10 grammi di marijuana (anch’essi occultati all’interno di alcuni pacchetti di sigarette modificati a tale scopo) oltre a materiale necessario per il taglio ed il confezionamento dello stupefacente. 

Informazione pubblicitaria

Entrambi venivano pertanto deferiti in stato di libertà alla Procura di Vibo Valentia per il reato di spaccio di stupefacenti. Come se non bastasse il più giovane dei due, all’atto del controllo stradale al veicolo che conduceva, risultava positivo all’accertamento per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti; esibiva la carta di circolazione del veicolo contraffatta ed in ultimo veniva trovato in possesso di una bomba carta artigianale. Per tali ulteriori fatti veniva deferito alla medesima Procura della Repubblica per i reati di guida sotto l’effetto di sostanza stupefacenti, contraffazione di documentazione per la circolazione stradale e detenzione illegale di materiale esplodente.