Mare sporco nel Vibonese, l’Udicon scrive a Capitaneria ed Arpacal

L’associazione a difesa dei consumatori raccoglie numerose segnalazioni di bagnanti da tutto il litorale vibonese: «Così si compromette la stagione turistica»

L’associazione a difesa dei consumatori raccoglie numerose segnalazioni di bagnanti da tutto il litorale vibonese: «Così si compromette la stagione turistica»

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Intervengono anche le associazioni dei consumatori in merito al mare sporco nel Vibonese. Il vicepresidente regionale dell’Udicon Domenico Iamundo scrive ai vertici della Capitaneria e dell’Arpacal per denunciare che l’associazione sta ricevendo segnalazioni di turisti e bagnanti «dalla quasi totalità del litorale vibonese, Nicotera, Briatico, Pizzo, Zambrone e Capo Vaticano», che lamentano «presenza di male odorosi liquami oltre alla presenza di rifiuti, generalmente di materie plastiche presenti tra le onde del mare. Gli stabilimenti balneari e le attività commerciali – prosegue Iamundo – sono pronte ad accogliere i turisti. È bene che gli enti preposti si muovano per fare altrettanto. È intollerabile il degrado e il pessimo stato manutentivo della zona». 

Informazione pubblicitaria

«Mare sporco e melmoso, acqua marrone, presenza di schiuma e rifiuti galleggianti: non è decisamente un bello scenario quello che si è profilato negli ultimi giorni davanti agli occhi dei bagnanti del litorale vibonese – incalza il responsabile provinciale di Vibo Valentia Piero Marrella -. Chiediamo, a tutela dei cittadini e degli utenti che si sono rivolti a noi, che chi di competenza adotti celermente tutte le iniziative necessarie destinate a far emergere una volta per tutte il malfunzionamento dei depuratori comunali, si faccia luce sulla gestione delle acque reflue e gli scarti di lavorazione delle aziende che insistono sulla zona interessata o la manutenzione e relativa pulizia di fossi a ridosso di torrenti. È da mesi che lo specchio d’acqua del litorale vibonese – riprende Iamundo – versa in condizioni critiche per la presenza di agenti inquinanti». A testimoniarlo numerosi video amatoriali inviati. E non basta «che l’Arpacal con un comunicato rassicuri tutti. Il problema c’è e bisogna risolverlo».

LEGGI ANCHEVibo Marina, anche il fosso La Badessa minaccia il mare del Pennello

Mare sporco lungo la costa vibonese tra bagnanti delusi e mancati interventi – Video

Mare sporco a Briatico, la rabbia dei residenti: «Ci stanno togliendo tutto»