Omicidio Vangeli: il gip del Tribunale Vibo conferma il carcere per Prostamo

Il giudice decide per un’ordinanza di custodia cautelare restituendo poi gli atti alla Dda per una nuova richiesta al gip distrettuale: si tratta di un delitto dalla metodologia mafiosa

Il giudice decide per un’ordinanza di custodia cautelare restituendo poi gli atti alla Dda per una nuova richiesta al gip distrettuale: si tratta di un delitto dalla metodologia mafiosa

Informazione pubblicitaria
Da sinistra verso destra: Antonio Prostamo e Francesco Vangeli
Informazione pubblicitaria

Convalidato dal gip del Tribunale di Vibo Valentia, Giulio De Gregorio, il fermo di indiziato di delitto vergato dai pm della Dda di Catanzaro, Antonio De Bernardo ed Annamaria Frustaci, nei confronti di Antonio Prostamo, 30 anni, di San Giovanni di Mileto, arrestato giovedì dai carabinieri della Compagnia di Vibo Valentia con l’accusa di omicidio ai danni di Francesco Vangeli, il 26enne di Scaliti di Filandari scomparso nella notte fra il 9 e il 10 ottobre dello scorso anno. Regge anche l’accusa di concorso in distruzione e soppressione di cadavere, atteso che – dopo aver occultato in un sacco nero il corpo di Francesco Vangeli in precedenza sparato con un fucile – Antonio Prostamo con il fratello Giuseppe l’avrebbe trasportato con un veicolo sulle rive del fiume Mesima e qui gettato. Il gip, oltre a convalidare il fermo, ha contestualmente emesso a carico di Antonio Prostamo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, confermando l’aggravante della metodologia mafiosa per entrambi i reati (omicidio e soppressione di cadavere) consistita nel dare alle fiamme la Ford Fiesta con la quale Francesco Vangeli aveva raggiunto la sera del 9 ottobre 2018 l’abitazione di Giuseppe Prostamo a San Giovanni di Mileto e poi nel gettare nel letto del fiume Mesima il corpo ancora agonizzante della vittima, ricorrendo quindi alle modalità tipiche di eliminazione degli avversari utilizzate dalle associazioni di stampo mafioso attraverso il ricorso alla c.d. “lupara bianca”, così da impedire il ritrovamento del corpo.

Informazione pubblicitaria

Nella sostanza, Antonio Prostamo avrebbe messo in atto il proposito preannunciato alla vittima attraverso precedenti messaggi inidirizzati a Francesco Vangeli via WhatsApp (“Ti faccio sciogliere”). Essendo stata confermata l’aggravante della metodologia mafiosa nel fatto di sangue, il gip del Tribunale di Vibo – dopo l’emissione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Antonio Prostamo – si è quindi dichiarato funzionalmente incompetente rimettendo gli atti alla Dda di Catanzaro affinchè entro venti giorni reiteri la richiesta di una nuova ordinanza cautelare al competente gip distrettuale. Esclusi i gravi indizi di colpevolezza solo in relazione al capo di imputazione relativo alla detenzione e porto in luogo pubblico di armi comuni da sparo (reati aggravati dalle finalità mafiose) ed in particolare di: una pistola calibro 7,65 completa di caricatore che, nel corso dell’anno 2017, i fratelli Antonio e Giuseppe Prostamo avevano affidato a Francesco Vangeli affinché la conservasse per loro conto (arma funzionante rinvenuta in occasione di una perquisizione effettuata il 12 ottobre 2018 a  San Giuliano Terme); un fucile, menzionato nell’ambito di un’intercettazione telematica del 17 novembre 2018. Antonio Prostamo è difeso dall’avvocato Giuseppe Grande.

LEGGI ANCHE: Omicidio di Francesco Vangeli, ora è caccia ai complici di Prostamo – Video

Omicidio Vangeli, la vittima tradita dagli amici e minacciata di morte su WhatsApp – Video

Omicidio Vangeli, mamma Elsa sconvolta: «Non meritava questa fine» – Video

Omicidio Vangeli nel Vibonese: cinque in totale gli indagati – Video

Omicidio Vangeli, Gratteri: «Chiuso in un sacco ancora vivo e gettato nel fiume» – Video