Detenzione di stupefacenti, violenza e minacce: in arresto ventitreenne di Vibo

La Squadra mobile ha portato a temine un'operazione che ha preso il via da un sospetto andirivieni dall’abitazione del giovane in contrada Feudotto.

La Squadra mobile ha portato a temine un'operazione che ha preso il via da un sospetto andirivieni dall’abitazione del giovane in contrada Feudotto.

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Nella serata di ieri, 4 marzo 2016, personale della Squadra Mobile ha tratto in arresto Saverio Ramondino, ventitreenne pregiudicato di Vibo Valentia, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale.

Informazione pubblicitaria

L’operazione ha preso il via da una prolungata attività di osservazione condotta in contrada Feudotto nei pressi dell’abitazione del Ramondino, durante la quale il personale dell’Ufficio investigativo ha notato un insolito e sospetto andirivieni di persone che facevano ingresso nello stabile per uscirne poco dopo.

Nella serata di ieri gli operatori hanno fermato due autovetture e sottoposto a controllo i rispettivi occupanti, che poco prima erano usciti dallo stabile in cui abita il Ramondino dopo esservisi trattenuti pochi minuti. Uno dei tre soggetti controllati è stato trovato in possesso di due bustine in cellophane contenenti verosimilmente canapa indiana: a precisa richiesta i tre, di età compresa tra i 22 e i 28 anni, ammettevano di essere tutti assuntori di sostanze stupefacenti e di aver poco prima acquistato le dosi dal Ramondino, all’interno del suo appartamento.

Si è provveduto quindi a circondare l’intero stabile prima di farvi ingresso. Il predetto, sentendo bussare alla porta della sua abitazione, ha lanciato, dal balcone posto sul lato posteriore della palazzina, una busta prontamente recuperata dal personale appostato. Nella busta sono stati rinvenuti sostanza stupefacente del tipo marijuana ed un bilancino di precisione.

Nel frattempo, appreso che si sarebbe proceduto ad effettuare una perquisizione domiciliare, lo stesso è andato in escandescenza cercando in tutti i modi di impedire l’ingresso degli operatori nell’abitazione e di ostacolarne le operazioni; malgrado i numerosi tentativi degli Agenti di riportarlo alla calma rivolgeva nei loro confronti frasi ingiuriose e di minaccia.

Nel corso della perquisizione, condotta con l’ausilio di due unità cinofile antidroga della Polizia di Stato, è stato rinvenuto un totale di circa 600 grammi di marijuana in parte già suddivisa in dosi e pronta per la cessione, una pianta di canapa indiana, un bilancino di precisione, materiale vario per il confezionamento delle dosi, un biglietto manoscritto con nomi e cifre nonché banconote per un totale di 360 euro, occultate in una tazza.

Pertanto Saverio Ramondino è stato tratto in arresto e, al termine delle formalità di rito, condotto presso la Casa Circondariale di Vibo Valentia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria competente.