lunedì,Agosto 8 2022

Rinascita Scott: i reciproci piani di morte fra i Bellocco ed i Mancuso nei verbali di Albanese

Il collaboratore di giustizia di Rosarno svela le intenzioni di Umberto Bellocco di eliminare Luigi Mancuso, mentre quest’ultimo anni prima avrebbe avuto intenzione di far fuori il boss della ‘ndrangheta in accordo con i Piromalli ed i Pesce

Rinascita Scott: i reciproci piani di morte fra i Bellocco ed i Mancuso nei verbali di Albanese
Nei riquadri: a sinistra Luigi Mancuso, a destra Umberto Bellocco
Umberto Bellocco

I Piromalli ed i Molè di Gioia Tauro, unitamente ai Mancuso di Limbadi ed ai Pesce di Rosarno avrebbero voluto eliminare il boss Umberto Bellocco, 85 anni, alias “Assu i Mazzi”, fra i principali esponenti della ‘ndrangheta e fondatore negli anni ’80 della Sacra Corona Unita pugliese. L’episodio risalirebbe agli anni ’80, mentre in tempi più recenti Umberto Bellocco avrebbe avuto intenzione di uccidere il boss Luigi Mancuso (cl.’54). Che storicamente i rapporti fra i Bellocco ed i Mancuso non fossero buoni l’avevano riferito diversi collaboratori di giustizia (Gerardo D’Urzo di Sant’Onofrio, Annunziato Raso di Gioia Tauro, Pino Morano di Laureana di Borrello e Gaetano Albanese di Candidoni su tutti), ma è il collaboratore Vincenzo Albanese (cl. ’77) di Rosarno – sposato con una figlia di Rocco Bellocco – a svelare diversi retroscena in ordine ad alleanze, vendette ed affari. I suoi verbali sono stati versati dalla Dda di Catanzaro agli atti del maxiprocesso Rinascita Scott che si sta celebrando nell’aula bunker di Lamezia Terme dinanzi al Tribunale collegiale di Vibo Valentia. [Continua in basso]

«Ho iniziato il mio percorso di collaborazione con la giustizia in data 17 dicembre 2015. Conoscevo esponenti della cosca Bellocco – dichiara Albanese – fin  da quando ero piccolo, dal 1995 sono stato fidanzato con la figlia di Rocco Bellocco, Maria Rosa Bellocco che poi ho sposato nell’anno 1998. E’ stato mio suocero ad introdurmi negli ambienti criminali rosarnesi e a farmi conoscere gli elementi di vertice delle famiglie della ‘ndrangheta calabrese. Ricordo che lo accompagnavo, per esempio, a Cosenza, dove mi parlava di Sena e me lo presentava, a Cetraro dove mi parlava di Muto e me lo presentava, a Sant’Onofrio dove mi parlava dei Bonavota e me li presentava, nelle Serre dove di faceva conoscere Vallelunga Damiano e così via. Dopo che Giuseppe Bellocco era stato condannato all’ergastolo per omicidio, ho avuto modo di incontrarlo unitamente a mio suocero Rocco Bellocco. In tale circostanza mio suocero disse a suo fratello che sulla mia persona garantiva lui. Da quel momento ho avuto accesso ad una serie di situazioni ed ho operato stabilmente per la cosca Bellocco. Unitamente a mio cognato ho commesso diversi reati per la cosca Bellocco: ho costruito bunker, mi sono occupato della gestione dei latitanti della cosca, ho trafficato droga. Non sono mai stato formalmente affiliato alla ‘ndrangheta – dal momento che venivo presentato come uomo della cosca direttamente da mio suocero di cui ero espressione, per cui non c’era necessità di riconoscermi un “fiore” – fino all’anno 2010, periodo in cui mentre ero recluso nel carcere di Cosenza unitamente a mio cugino Pietro Bellocco. Per evitare disagio agli altri ‘ndranghetisti detenuti e rispettare le regole d’onore anche all’interno dell’istituto – ha spiegato Albanese – mi hanno concesso le doti di picciotto e camorrista. Una volta uscito dal carcere di Cosenza, mio zio Umberto Bellocco – a sua volta scarcerato nel 2014 – mi ha dato direttamente la carica di “Padrino”. Tale carica mi venne data per l’impegno criminale profuso in favore della cosca Bellocco».

Lo scontro Bellocco-Mancuso

Luigi Mancuso

«Mio zio Umberto Bellocco era considerato uno dei massimi esponenti della ‘ndrangheta e solo lui poteva concedere direttamente la carica di “Padrino” saltando le altre doti di ‘ndrangheta. Quando mio zio Umberto Bellocco venne scarcerato nell’anno 2014, voleva accentrare nuovamente a se tutto il potere criminale e per tale motivo si scontrò con gli altri esponenti della ‘ndrangheta tra i quali Luigi Mancuso, in particolare per la compravendita di droga attraverso il Porto di Gioia Tauro. Si scontrò pure con i Pesce».

Umberto Bellocco, secondo il racconto di Vincenzo Albanese, avrebbe quindi mandato un’imbasciata a Luigi Mancuso attraverso «uno della zona di Santa Maria dove ha guardianie Bellocco Umberto, il quale voleva parlare con Luigi Mancuso. Era un vecchietto vicino a Luigi Mancuso che poi è stato arrestato». Luigi Mancuso non si sarebbe presentato all’appuntamento, mentre tempo dopo – luglio 2014 – è stato arrestato lo stesso Umberto Bellocco, la cui politica criminale di scontro con le altre storiche famiglie della ‘ndrangheta della Piana non sarebbe stata condivisa sino in fondo neanche dai fratelli e dai cugini. [Continua in basso]

Antonino Pesce

«Quando mio zio Umberto Bellocco nell’anno 2014 venne scarcerato mandò me e mio cugino Umberto Bellocco (cl. 72) ad organizzare un incontro con Luigi Mancuso. L’incontro era dovuto al fatto che mio zio voleva percepire una percentuale a titolo di estorsione sui quantitativi di droga che passavano dal porto di Gioia Tauro. Zio “Umberto” voleva incontrare Luigi Mancuso a metà strada tra Rosarno e Limbadi, visto che entrambi i boss erano sottoposti alla sorveglianza speciale. Luigi Mancuso si rifiutò con dei pretesti di partecipare all’incontro – ha riferito Vincenzo Albanese – e per tale motivo mio zio Umberto Bellocco si adirò tanto da voler uccidere proprio Luigi Mancuso e mandò me e mio cugino per riferire a Mancuso che dal porto di Gioia Tauro non sarebbe passato più nulla senza il suo volere. Tutti i rappresentanti della famiglia Bellocco erano d’accordo con il pensiero di mio zio Umberto Bellocco, nel senso che secondo loro a livello di ‘ndrangheta Umberto Bellocco aveva in teoria il potere di prendere queste decisioni, nonostante sul porto di Gioia Tauro vi fosse anche l’influenza dei Pesce – che però erano assolutamente a lui sottomessi e che lui persino maltrattava – ed ovviamente dei Piromalli che, peraltro, erano alleati dei Mancuso. Tuttavia tutti in famiglia ritenevamo che questa nuova politica criminale di “zio” Umberto fosse troppo azzardata e non corrispondesse più a dinamiche criminali che oramai erano mutate, fondandosi su accordi ben consolidati che lui voleva mettere in discussione. La vicenda poi non ebbe un seguito perché, come detto, Umberto Bellocco fu arrestato poco dopo».

«Non ho mai avuto rapporti con i Piromalli. Mio zio Umberto Bellocco aveva antipatia per i Piromalli e i Molè, perché una volta – ha raccontato il collaboratore Albanese – circa 30 anni fa i Piromalli avevano fissato un appuntamento a mio zio per ucciderlo, d’accordo con i Mancuso e probabilmente anche con Nino Pesce, detto Testuni. Mio zio non andò però all’appuntamento perché Trunfio, quello ucciso sull’ autostrada, l’aveva avvisato. I Mancuso, i Piromalli, i Molè avevano un accordo fra loto e sotto-sotto anche con Nino Pesce a Rosarno. Per questo Umberto Bellocco non li ha mai digeriti».

Secondo il collaboratore di giustizia, lo zio «Umberto Bellocco picchiava anche le donne, non guardava in faccia nessuno. Umberto Bellocco aveva legato anche con i Brandimarte di Gioia Tauro, che avevano i loro problemi. Umberto Bellocco aveva dato un ultimatum dicendoci che chi non era d’accordo con lui sarebbe stato spogliato delle cariche di ‘ndrangheta attraverso un preciso rito». Alla fine il capoclan Umberto Bellocco è stato arrestato.

LEGGI ANCHE: Rinascita Scott: per il gup è Luigi Mancuso il capo assoluto della ‘ndrangheta vibonese

Articoli correlati

top