Carattere

È successo questa mattina lungo la provinciale tra Sant’Onofrio e Filogaso. Nuovamente sotto accusa la manutenzione stradale.

Il recupero del mezzo da parte del soccorso stradale
Cronaca

Stava percorrendo la strada provinciale n. 4 che da Sant’Onofrio conduce a Filogaso, e da lì ai paesi delle Preserre, quando, intorno alle ore 9 di questa mattina, all’altezza di una stretta curva, ha perso il controllo del mezzo (un’autobotte adibita al trasporto di gas metano) finendo sul guardrail per poi ribaltarsi. Nessuna conseguenza per il conducente, che ha riportato solo qualche graffio al viso ed è comunque stato prontamente soccorso dal personale del 118 intervenuto sul luogo dell’incidente.

L’autobotte, fortunatamente, viaggiava vuota. Sul porto anche i vigili del fuoco del Comando provinciale di Vibo Valentia, i carabinieri della stazione di Maierato, guidata dal maresciallo ordinario Antonio Panettieri, coadiuvati dai colleghi di Sant’Onofrio diretti dal maresciallo Biagio Russo, e il personale del soccorso stradale che ha provveduto a rimuovere il pesante automezzo con l’ausilio di una grossa gru e a ripulire la strada dai fluidi fuoriusciti a causa dell’impatto.

Operazione che si è conclusa solo pochi minuti fa, intorno alle 12.30, consentendo di ripristinare il traffico veicolare rimasto quindi bloccato per circa 4 ore con conseguenze immaginabili per gli automobilisti costretti a deviare verso Maierato e Bivio Angitola. Sotto accusa la mancata manutenzione stradale da parte della Provincia: in quel punto il manto si presenta particolarmente dissestato e sdrucciolevole. Nello stesso punto, poi, qualche settimana fa, un autoarticolato che viaggiava in direzione opposta è anch’esso finito fuori strada, sfondando le protezioni e andando ad impattare con il rimorchio su un vicino albero. Anche in quel caso le conseguenze potevano essere ben più gravi, sia per il conducente che per altri automobilisti.

s. m.

Lacnews24.it
X

Seguici su Facebook